Lavoce.info

Il condono permanente

La programmazione fiscale triennale è rivolta alla stragrande maggioranza delle imprese e alla quasi totalità dei professionisti. Ne beneficeranno soprattutto i soggetti con attività in crescita, in particolare le società di capitali. Una evidente disparità di trattamento rispetto agli altri tipi di reddito, tenuti al pagamento integrale delle imposte sulla base delle aliquote ordinarie. Il provvedimento non consente alcun concreto recupero strutturale delle basi imponibili evase. Ma sottrae risorse alle Regioni, perché comporta una perdita di gettito Irap.

L’istituto della programmazione fiscale non è solo l’ennesima variante del concordato preventivo già presente nelle precedenti Finanziarie. Questa volta il legislatore (articolo 1, commi da 499 a 520, della Finanziaria 2006, legge 23 dicembre 2005, n. 266) propone un’offerta commerciale combinata: la programmazione fiscale triennale a decorrere dal periodo d’imposta 2006 e l’adeguamento fiscale per i periodi d’imposta 2003 e 2004. Poiché però la definizione preventiva degli obblighi tributari non sembra essere molto più appetibile rispetto a quella dell’edizione 2005, la cosiddetta pianificazione fiscale programmata, la vera novità è che, nonostante i ripetuti dinieghi, si reintroduce un nuovo condono per annualità ancora scoperte: il 2003 e il 2004.

La programmazione fiscale per il 2006-2008

Destinatari potenziali dell’offerta sono i contribuenti interessati agli studi di settore e ai parametri, cioè la stragrande maggioranza delle imprese (incluse le società di capitali) e la quasi totalità dei professionisti operanti in Italia, circa 3,5 milioni di soggetti.
A costoro l’amministrazione finanziaria proporrà nei prossimi mesi una determinazione preventiva delle basi imponibili ai fini delle imposte sul reddito e dell’Irap per un triennio. (1)
A chi accetterà, entro il 16 ottobre 2006, per tre anni sarà accordata una riduzione di 4 punti percentuali delle aliquote dell’imposta personale per la parte di imponibile che eccede quello programmato (nessuno sconto per i contribuenti Irpef che si collocano nell’ambito dell’aliquota del 23 per cento, cioè fino a 26mila euro). Le basi imponibili ai fini dell’Irap e dei contributi saranno solo quelle programmate. Per rendere più allettante la proposta, il fisco rinuncia agli accertamenti sia analitici che induttivi ai fini delle imposte sui redditi, salva la possibilità di accertamento analitico quando l’infedeltà sia superiore al 10 per cento del dichiarato o la condotta sia punibile sul piano penale. La programmazione proposta al contribuente per il triennio 2006-2008 prenderà a riferimento quanto dichiarato nel 2004. Se successivamente verrà accertata la difformità degli elementi a suo tempo dichiarati rispetto a quelli effettivi, non si avranno conseguenze per il contribuente se ciò comporterà una variazione inferiore al 5 per cento degli importi proposti.
I valori che saranno calcolati dal fisco nei primi mesi del 2006 per determinare la base imponibile soggetta ad aliquota ordinaria del triennio 2006-2008 non potranno tenere seriamente conto dei futuri effettivi andamenti dei diversi settori economici e si baseranno, per forza di cose, sulla situazione che il contribuente aveva (o, meglio, dichiarava di avere) nel 2004. In definitiva, quindi, la programmazione fiscale si risolverà, per il contribuente, nell’impegno a pagare nel triennio le imposte corrispondenti agli imponibili calcolati sulla base degli studi di settore, beneficiando per l’eventuale eccedenza di imponibile delle riduzioni fiscali e contributive. (2)
Stando così le cose, è prevedibile che beneficeranno della programmazione fiscale soprattutto i soggetti con attività in crescita, preferibilmente costituiti in forma di società di capitali. (3)
Come già nelle precedenti versioni, si tratta di una riduzione delle tasse offerta ad una elite di contribuenti, con evidente disparità di trattamento rispetto agli altri tipi di reddito, tenuti al pagamento integrale delle imposte sulla base delle aliquote ordinarie. A essa non si accompagna nessun concreto recupero strutturale delle basi imponibili evase. Anche sotto questo profilo, i precedenti dell’istituto sono infatti tutt’altro che lusinghieri: nessuna applicazione ha avuto la pianificazione fiscale concordata per il triennio 2005-2007, che viene ora abrogata e di cui la programmazione costituisce poco più che una rimasticatura, mentre ha provocato solo perdite di gettito il concordato preventivo biennale per il 2003-2004.
Va poi sottolineato che, questa volta, con buona pace del federalismo fiscale, il legislatore statale sottrae risorse alle Regioni, senza preoccuparsi di assicurare alcuna contropartita. Il nuovo sistema, infatti, diversamente dai precedenti, comporterà certamente una perdita di gettito in termini di Irap, perché è prevista la sterilizzazione ai fini di tale imposta dei maggiori imponibili dichiarati rispetto a quelli calcolati sulla base degli studi di settore.

Leggi anche:  Più Iva sulla carne per dare respiro all’ambiente

L’adeguamento fiscale per gli anni 2003 e 2004

All’istituto della programmazione fiscale il Governo, con il maxiemendamento, ha abbinato la possibilità di definire i periodi d’imposta 2003 e 2004 in modo agevolato.
Agli stessi contribuenti destinatari della proposta di programmazione fiscale sarà, infatti, inviata anche una proposta di adeguamento fiscale per tali annualità. Al di là delle ipocrisie terminologiche, si tratta di un vero e proprio condono, che consentirà di definire con una sensibile riduzione di aliquota (in luogo delle imposte personali, delle addizionali e dell’Irap sarà applicata un’imposta sostitutiva del 23 per cento, elevata al 28 per cento per le società di capitali che non hanno optato per la cosiddetta trasparenza fiscale) e senza alcuna applicazione di sanzioni e interessi i suddetti periodi d’imposta. Quanto ai meccanismi che saranno adottati per il confezionamento delle proposte, la previsione legislativa è del tutto generica, rinviando ai “maggiori ricavi o compensi determinati a seguito di elaborazioni effettuate dall’anagrafe tributaria con i criteri previsti dal comma 501” (comma 510). Sarà pertanto l’anagrafe tributaria, o meglio la Società generale d’informatica, a definire concretamente i criteri di quantificazione delle proposte di adeguamento fiscale, con buona pace della riserva di legge stabilita dall’articolo 23 della Costituzione.

Le previsioni di gettito

Le previsioni di entrata indicate (1.930 milioni di euro nel 2006 e 990 milioni di euro in ciascuno degli anni 2007 e 2008) hanno carattere puramente virtuale, nulla essendo stato ancora deciso sui criteri cui si ispireranno le “proposte” per il passato e per il futuro che verranno inviate ai contribuenti. Non a caso l’anno scorso, quando la Finanziaria per il 2005 introdusse la pianificazione fiscale programmata, non fece su di essa, correttamente, nessuna previsione di gettito. Ma la pianificazione fiscale programmata non si affiancava a un condono. Le entrate previste quest’anno potrebbero invece divenire maggiormente credibili se l’adeguamento fiscale 2003-2004, verrà sganciato della programmazione fiscale e trasformato in un condono con ancora minori vincoli (e, perchè no, magari esteso al 2005). Questo è il passaggio che l’attuale maggioranza si tiene in serbo in caso di vittoria elettorale. In caso di sconfitta, sarà l’attuale opposizione a dover trovare una entrata effettiva in luogo di quella virtuale prevista nella Finanziaria 2006.
Nulla di nuovo, quindi, rispetto alla politica dell’accertamento attuata nell’ultimo quinquennio: condoni per il passato e per il futuro, nessuna reale razionalizzazione del sistema, nessuna semplificazione, l’equità sempre più lontana.
In conclusione, se la logica dei condoni perseguita in questi anni è da respingere senza esitazioni, finendo per minare la credibilità del sistema fiscale e compromettendo la possibilità di migliorare la adesione dei contribuenti, diverso potrebbe essere il ragionamento su effettive forme di semplificazione dei controlli per particolari categorie di contribuenti di contenute dimensioni economiche e che svolgano attività notevolmente omogenee. Ma su questo tema l’attuale Governo non sembra aver mai avuto un reale interesse.

Leggi anche:  Riforma fiscale fra sogno e realtà


(1)
La programmazione ha effetto anche ai fini Iva, applicando alla eventuale maggiore base imponibile l’aliquota media.
(2) In teoria, secondo quanto stabilito dal comma 501, nella determinazione degli imponibili ordinari si dovrebbe tenere conto anche “dell’andamento dell’economia nazionale per distinti settori economici di attività”. Come ciò possa essere fatto per il futuro, resta alquanto oscuro.
(3) Come si è detto, la riduzione di 4 punti dell’aliquota Ires per la parte di reddito eccedente quello programmato opera sempre, mentre nel caso dell’Irpef opera solo se l’eccedenza si colloca negli scaglioni oltre i 26mila euro.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Per un pugno di antivirali

Successivo

Un reddito minimo contro l’esclusione sociale

  1. Andrea

    Ma chi è gambadilegno? chi è che si cela dietro un nome così?

    • La redazione

      Domanda legittima. Capita talvolta che alcuni nostri collaboratori, per ragioni istituzionali, non possano firmare i loro contributi. Prima di pubblicare verifichiamo che i) non ci siano conflitti di interessi e ii) che gli autori non svelino informazioni riservate. Cordiali saluti

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén