logo


  1. Claudio Montini Rispondi
    Condivido quanto commentato. Per alcune semplici ragioni : in primo luogo, perchè sono vicende del tutto casalinghe, quelle di inserire in organi teoricamente indipendenti dal governo, membri che di fatto non possono esserlo per natura. In secondo luogo : è verissimo che solo l'opinione pubblica potrebbe sollevare critiche abbastanza forti tali da garantire una svolta in vicende simili, ma se questa non viene informata è ovvio che le potenziali polemiche restino tali. Tutto ciò, nel nostro sistema, è anche ovvio. Il premier italiano, che direttamente e indirettamente controlla il 90% delle televisioni nazionali, può facilmente gestire l'opinione pubblica. In Italia, infatti, è dimostrato che la stragrande maggioranza dei cittadini ha come mezzo informativo la televisione. Concludendo, il male italiano è tutto legato ad una classe dirigenziale che non ha più nessun interesse nel paese, non si ricercano traguardi importanti e prestigio nazionale, ma gli occhiali si infilano per cercare la poltrona più comoda.
  2. Edoardo Croci Rispondi
    L'attuale governo ha perso l'occasione storica di creare una nuova classe dirigente che indirizzasse il Paese sulla strada della modernizzazione, dell'efficienza e della liberalizzazione. Quasi tutte le nomine "tecniche" nei posti chiave di regolazione del sistema economico e di gestione della cosa pubblica sono state occupate da politici in pre-pensionamento o - che è anche peggio - da alti dirigenti della pubblica amministrazione, che assumono sovente la veste di controllori e controllati. In buona sostanza il sistema politico-burocratico si chiude sempre di più in se stesso, secondo una logica autoreferenziale, perdendo di vista i bisogni reali del Paese. L'opposizione fa lo stesso, anzi fa di peggio. Partecipa alla lotizzazione a livello nazionale e promuove le clientele a livello regionale e locale. Purtroppo in assenza di un'opinione pubblica e dei media in grado di esercitare un ruolo di critica e controllo il sistema non si autoriformerà.