Lavoce.info

I costi di un’alternanza annunciata

I dodici mesi che ci separano dalle elezioni politiche rischiano di lasciarci in eredità un disavanzo del 6 per cento, un saldo primario negativo dopo 15 anni di avanzi e un debito pubblico per la prima volta in aumento dopo 10 anni.  Non è solo colpa del ciclo politico. C’è il rischio che il governo intenzionalmente lasci in eredità al successore una situazione dei conti pubblici ancora peggiore di quella attuale per pregiudicare l’operato del nuovo governo. E un Patto di Stabilità spuntato non è più in grado di tutelarci contro questi costi di un’alternanza annunciata.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Sommario 5 aprile 2005

Successivo

I rischi dell’eccessiva tutela

  1. Franco Zannoner

    Allora, quando Tremonti diceva che il governo di centro sinistra aveva lasciato un buco di bilancio, aveva ragione. (l’ammissione di questo buco era gia’ comparsa ne LA VOCE, anche se subito smentita).
    Adesso andate oltre, e ammettete che lo scopo era di mettere in difficolta il centro destra al governo.

    • La redazione

      All’epoca della denuncia di Tremonti, lavoce.info non esisteva. Il fatto che l’eredita’ lasciata dall’ultimo governo della passata legislatura sia stata piu’ negativa di quanto inizialmente preventivato e’ quanto emerso dalla ricostruzione dei conti pubblici recentemente operata dall’Istat, di cui non abbiamo mancato di dare notizia.

  2. Danilo Flora

    Il nostro capo del governo farà certamente terra bruciata pur di danneggiare l’opposizione, disinteressandosi dei danni che ha gia fatto e che sta facendo al paese e senza capire che danneggia anche se stesso.
    Mi auguro solo che non necessiti il lavoro di una generazione per le riparazioni.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén