A lavoce.info dedichiamo il bene più scarso per tutti noi: il nostro tempo. Abbiamo deciso di continuare a farlo perché ci sembra di renderci utili, di contribuire davvero a migliorare la qualità dell’informazione economica nel nostro paese. Lo dimostra il numero dei lettori in costante crescita e la loro qualità. Alcune novità e una richiesta di aiuto per migliorare ulteriormente il servizio, cercando soprattutto di rafforzare i nostri contatti con il pubblico, le risposte alle vostre lettere e i commenti.

Ventiquattro mesi fa nasceva lavoce.info. Da allora ha continuato a crescere, senza sosta.

Gli iscritti alla newsletter e i visitatori del sito sono raddoppiati rispetto a un anno fa. Abbiamo oggi 16.500 iscritti alla newsletter. In media, ogni giorno, vengono scaricate circa 13mila pagine, e i visitatori sono più di 2mila (con punte di 6mila visite e 20mila pagine nei giorni di aggiornamento del sito). Ogni uscita viene letta da più di 10mila persone. Gli interventi pubblicati sino ad ora sono più di 750 e sono stati letti in media ognuno da 5mila lettori con picchi di 30mila per quelli più letti.

Il profilo dei lettori

A lavoce.info dedichiamo il bene più scarso per tutti noi: il nostro tempo. Abbiamo deciso di continuare a farlo perché ci sembra di renderci utili, di contribuire davvero a migliorare la qualità dell’informazione economica nel nostro paese. Lo riscontriamo da come vengono ripresi i nostri articoli da stampa, televisione, radio e nel dibattito pubblico. Il nostro è un pubblico di opinion-maker: un iscritto al sito su cinque è un giornalista e chi fa formazione – gli insegnanti e i docenti universitari – rappresenta un quinto del totale. Quindi l’impatto degli interventi sul sito si espande ben al di là della platea dei suoi visitatori abituali.

Raggiungiamo molti italiani all’estero. Sono trecento gli iscritti che operano presso le maggiori organizzazioni internazionali (Banca Mondiale, Commissione europea, Fondo monetario e Ocse), più di cinquecento gli iscritti in università straniere. È un pubblico che prende parte attiva al dibattito e che dimostra di apprezzare lo stile de lavoce.info. I commenti che riceviamo a molti articoli sono spesso non meno rilevanti e acuti degli interventi che li hanno stimolati.

Leggi anche:  Con il coronavirus sale lo share dei Tg

E i progetti per il futuro

In 3mila avete risposto al questionario che vi abbiamo inviato nei giorni scorsi. Si tratta di un campione non rappresentativo di tutti i lettori. Ma è comunque indicativo il fatto che un terzo dei rispondenti visiti il sito più di una volta alla settimana e il 40 per cento lo faccia anche indipendentemente dal fatto di ricevere la newsletter.

La maggioranza di voi ci ha chiesto di continuare ad assicurare due uscite alla settimana, come è stato sin qui. La via che seguiremo, accoglie questa indicazione, ma con qualche innovazione: continueremo a garantire un’uscita alla settimana, che vi verrà segnalata attraverso l’usuale newsletter, e procederemo a ulteriori aggiornamenti del sito inserendo di volta in volta testi che, a nostro giudizio, siano pronti per essere pubblicati o necessitino di un’uscita tempestiva perché riferiti ad argomenti di attualità.

È un modo di meglio sfruttare le potenzialità di Internet, strumento di informazione che può essere aggiornato in tempo reale. Per poter essere avvisati non appena apparirà un nuovo intervento sul sito, vi basterà installare RSS sul vostro computer: è molto semplice e non pochi di voi (il 15 per cento dei lettori) lo ha già fatto.

Ci siamo in questo anno dotati di una segreteria di redazione grazie alla generosità dei lettori: più di 600 di voi ci hanno mandato contributi, permettendoci di superare l’obiettivo dei 50mila euro di sottoscrizione volontaria, pur avendo imposto un tetto massimo di 5mila euro per sottoscrittore per salvaguardare la nostra indipendenza. Chiediamo oggi nuovamente il vostro aiuto. Ci permetterà di migliorare ulteriormente il servizio, cercando soprattutto di rafforzare i nostri contatti con il pubblico, le risposte alle vostre lettere e i commenti.  Grazie in anticipo.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Dati sul Covid: possiamo fidarci dei paesi autoritari?