Il Consiglio dei 25 Stati europei ha approvato un Trattato costituzionale istitutivo dell’Unione Europea. Prima delle elezioni europee avevamo chiesto ai partiti un parere sulla bozza di Costituzione elaborata dalla Convenzione europea e se ritenevano utile un referendum di ratifica. Riproponiamo qui le loro risposte, che potrete comparare con le reazioni di questi giorni.

1. Siete favorevoli alla Costituzione europea così come scritta attualmente, eventualmente con una modifica dei pesi di voto per trovare un compromesso con Spagna e Polonia? Se no, quali modifiche intendete proporre? E, in concreto, come pensate di farlo senza riaprire l’intero dibattito ad infinitum. Se non ci fosse il tempo o la volontà degli altri paesi di esaminare le vostre proposte di modifica, sareste comunque favorevoli alla ratifica della proposta così com’è?

    Lista Bonino 

    Forza Italia

Italia dei valori

Patto Segni- Sognamiglio

Uniti nell’Ulivo

2. Molti paesi si stanno orientando verso referendum di approvazione della Costituzione europea.

(i) Sareste favorevoli a un referendum consultivo anche in Italia? (Anche se la Costituzione italiana vieta referendum su trattati internazionali, non è chiaro se la Costituzione europea debba essere considerata un Trattato e il governo può comunque chiedere direttamente il parere dei cittadini).

(ii) In alcuni paesi (per esempio il Regno Unito) la sconfitta della Costituzione in un referendum è molto probabile. In teoria, la Costituzione non può entrare in vigore se anche un solo paese non la ratifica, a meno che quel paese non lasci l’ Unione europea. Quale sarebbe la vostra posizione se la Costituzione non fosse ratificata in uno o più paesi? In particolare, sareste favorevoli alla posizione, adombrata da alcuni paesi europei, di andare avanti solo con i paesi favorevoli, lasciando agli altri forme più deboli di integrazione?

   Lista Bonino 

    Forza Italia

Italia dei valori

Patto Segni- Sognamiglio

Uniti nell’Ulivo

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  La pecora nera: l’Italia di oggi e l’Eurozona