Concludiamo la pubblicazione delle risposte di partiti e coalizione ai quesiti che avevamo formulato in vista delle elezioni europee. La scheda su Università e ricerca chiedeva quali strumenti dare alla ricerca europea per consentirle di svolgere il ruolo di stimolo alla crescita di lungo periodo: creare centri di eccellenza sopranazionali o finanziare le università dei singoli paesi, come è stato finora? E sui finanziamenti, quali voci del bilancio dell’Ue ridurre per aumentare gli stanziamenti alla ricerca? Come incoraggiare l’intervento dei privati?

1. L’università e la ricerca sono settori di investimento strategici per stimolare la crescita in Europa nel lungo periodo. Ad oggi, la dimensione delle università e dei centri di ricerca dei singoli paesi è insufficiente per competere con le migliori università americane. Le carriere e i criteri di assunzione seguono inoltre indirizzi nazionali e spesso rappresentano un ostacolo alla mobilità dei ricercatori. Ritenete che l’Ue debba, come avviene oggi, sostenere i centri di ricerca e le università nazionali con assegnazioni di fondi comunitari, o utilizzare invece i fondi disponibili per creare nuove istituzioni di ricerca sovranazionali?


       Lista Bonino

      Forza Italia

 

      Italia dei valori

 

  Patto Segni-Scognamiglio

 Uniti nell’Ulivo

 

Risposte a confronto


 2. Siete d’accordo per aumentare in modo significativo gli stanziamenti degli Stati nazionali al bilancio comunitario e costituire un sistema di università europee di eccellenza, in grado di competere ad armi pari con le migliori università americane? Siete d’accordo per uniformare su scala europea i criteri di accesso all’università, allo scopo di favorire la mobilità dei ricercatori?

     Lista Bonino

       Forza Italia

  Italia dei valori

Patto Segni-Scognamiglio

   Uniti nell’Ulivo

Risposte a confronto

3. Quali voci del bilancio dell’Ue (agricoltura, fondi strutturali, eccetera) pensate che sia opportuno ridurre per aumentare gli stanziamenti alla ricerca e all’università in Europa? Quali provvedimenti pensate che siano utili a livello dell’Ue per orientare quote significative di fondi privati al sistema della ricerca europea? Ritenete che si debba incoraggiare il mecenatismo dei privati verso l’università con sgravi fiscali, per esempio con la completa detraibilità dei contributi all’università e alla ricerca dall’imponibile delle persone fisiche e/o giuridiche?

   Lista Bonino

Leggi anche:  Dad sul banco degli imputati

      Forza Italia

   Italia dei valori

Patto Segni-Scognamiglio

Uniti nell’Ulivo

Risposte a confronto

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!