Lavoce.info

Coordinamento politiche sociali

Sul Coordinamento delle politiche sociali abbiamo chiesto se, anche in vista del raggiungimento degli obiettivi occupazionali fissati a Lisbona, la riforma dei sistemi previdenziali debba essere lasciata ai singoli paesi. Se sulle politiche sociali sia più opportuno adottare il modello del coordinamento aperto oppure regole comuni più stringenti. Se sull’esempio di altri paesi Ue, l’Italia dovrebbe istituire un reddito minimo garantito. E se la tassazione dei redditi personali debba mantenere caratteristiche redistributive. Le risposte della Lista Bonino, Forza Italia, Patto Segni-Scognamiglio e Uniti nell’Ulivo

Coordinamento politiche sociali

1. Ai vertici di Lisbona e Stoccolma, l’Italia ha sottoscritto un patto con gli altri Stati membri in cui si impegna ad aumentare il tasso di occupazione delle persone con età compresa tra i 55 e i 65 anni al 40 per cento entro il 2005 e al 50 per cento entro il 2010. Attualmente circa il 30 per cento delle persone in questa fascia di età lavora in Italia mentre circa il 40 per cento riceve una pensione. Cosa deve fare l’Unione europea per imporre il rispetto del Patto? Deve sanzionare i paesi che non riformano i sistemi previdenziali come nelle proposte di una “Maastricht delle pensioni” formulata alla vigilia della presidenza italiana, o deve lasciare queste decisioni ai Governi nazionali?

     Lista Bonino 

     Forza Italia

    Italia dei valori

    Patto Segni-Scognamiglio

      Uniti nell’Ulivo

Risposte a confronto

 

2. Ritenete che il coordinamento a livello comunitario delle politiche sociali debba continuare ad avvenire con il metodo del cosiddetto “coordinamento aperto“? Oppure si dovrebbero trovare metodi più coercitivi in termini di (i) obiettivi da raggiungere (ii) criteri di verifica e (iii) sanzioni per i paesi che non hanno raggiunto gli obiettivi? Su qual idei seguenti temi in particolare vorreste introdurre regole più stringenti: lotta alla povertà e esclusione sociale, lotta alla ereditarietà dello svantaggio, mantenimento del tenore di vita nelle età anziane, sostenibilità della spesa pensionistica, sostenibilità della spesa sociale?

Leggi anche:  Lezioni da cinque epidemie per capire il post-Covid

        Lista Bonino 

          Forza Italia: risposta non pervenuta

          Italia dei valori

            Patto Segni-Scognamiglio

           Uniti nell’Ulivo

Risposte a confronto

3. In Italia 2 milioni e 456mila famiglie per un totale di 7 milioni e 140mila individui (l’11 per cento delle famiglie residenti e il 12,4 per cento dell’intera popolazione) vivono in condizioni, stabili o temporanee, di povertà relativa, dispongono cioè di una capacità di spesa insufficiente per far fronte alle necessità economiche della vita quotidiana (inferiore a 823 euro mensili, nel caso di una famiglia di due persone). 926mila di queste famiglie, pari a 2 milioni 916 mila individui (4,1 per cento del totale delle famiglie, 5,1 per cento della popolazione) vivono in condizioni di povertà assoluta. Non possono cioè acquistare molti dei beni considerati essenziali per condurre una vita minimamente dignitosa, secondo gli standard nazionali: nel caso di una famiglia di due persone, non possono spendere infatti, più di 574 euro al mese. In linea con quanto avviene negli altri Stati Ue, ritenete che il nostro paese dovrebbe istituire un reddito minimo garantito? Se sì, ritenete che tale strumento debba essere: i) universale o categoriale (ad esempio limitato alle famiglie con un certo numero di minori), ii) accompagnato a una prova dei mezzi su base individuale o famigliare, iii) temporaneo o permanente (e cioè debba essere erogato fino a che sussiste la condizione di disagio)? Dove potrebbero essere trovate le risorse, stimate attorno a un punto percentuale del Pil, per finanziare il reddito minimo garantito o altre misure di contrasto alla povertà?

         Lista Bonino 

         Forza Italia

          Italia dei valori

      Patto Segni-Scognamiglio

         Uniti nell’Ulivo

Risposte a confronto


4. Che relazione dovrebbe esservi tra le misure contro la povertà e riforma dell’imposta personale sul reddito? In particolare, ritenete che la tassazione dei redditi personali debba mantenere caratteristiche redistributive (mediante la progressità delle aliquote)? Essere commisurata ai redditi familiari piuttosto che individuali?

          Lista Bonino 

Leggi anche:  Case popolari, l'anzianità di residenza requisito “ingiusto”

           Forza Italia

         Italia dei valori

         Patto Segni-Scognamiglio

            Uniti nell’Ulivo

Risposte a confronto

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

L’Iraq di Berlusconi

Successivo

Va in onda la Gasparri

  1. Tiziano

    Avete in programma di “tabellare” argomenti e posizioni per dare una visibilità globale ed immediata delle posizioni?
    Complimenti per il sito e le idee.
    Saluti,
    Tiziano

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén