logo


  1. Giampaolo Gabbi Rispondi
    L’intervento di Francesco Giavazzi dedicato all’autoregolamentazione introduce alcuni aspetti rilevanti nell’ambito dei controlli. Nel periodo attuale, caratterizzato da fenomeni di free-riding e di truffa ai danni degli attori dei mercati finanziari, la sua proposta potrebbe apparire provocatoria o ingenua. I vantaggi dell’autoregolamentazione sono: a) maggiore rapidità nell’implementazione; b) minore asimmetria informativa; c) inferiore propensione a comportamenti elusivi da parte dei controllati. Sostanzialmente, i benefici del club dove i soci concorrono direttamente alla definizione delle regole e sono i primi ad avere interesse nel loro rispetto. Un problema che si pone è che i soci non sono solo quelli fondatori che hanno partecipato alla stesura delle regole e i benefici del club possono attrarre nuovi partecipanti interessati ad una distribuzione non equa del valore accumulato in precedenza. Che il meccanismo di cooptazione possa ritenersi inadatto nel mercato azionario italiano è lo stesso Giavazzi a sottolinearlo. Con riferimento alla corporate governance bancaria, si possono poi individuare margini di miglioramento non indifferente in merito sia alla professionalità sia all’onorabilità degli amministratori. Un’ulteriore criticità è quella della posizione dominante. La Better Regulation Task Force che supporta l’azione dell’esecutivo britannico in materia di regolamentazione, pur proponendo un sistema basato sull’autoregolamentazione, riconosce come le imprese di maggiori dimensioni siano spesso in grado di influenzare il sistema di definizione delle regole del codice di condotta (captive self-regulation). Il dubbio è quindi che una grande impresa non finanziaria partecipi in modo minoritario al capitale di una banca per incrementare, a costi modesti, l’intensità delle asimmetrie informative, aspirando ad un processo di funding meno severo di quello di un soggetto non coinvolto nel controllo. Sebbene in teoria più efficiente, è improbabile che un sistema di autoregolamentazione funzioni in condizioni di mercato che non garantiscono un elevato grado di trasparenza e l’assenza di posizioni dominanti. Si rende quindi necessario una fase preliminare di co-regolamentazione, con un processo più severo di cooptazione degli attori che intendono svolgere un ruolo nei mercati o negli intermediari finanziari. Al fine di ridurre il legittimo sospetto che la relazione impresa-banca (e impresa-banca-mercato, come suggerisce Giavazzi) possa essere alimentata da interesse a ridurre costi e controlli per il prenditore di fondi, si potrebbe cercare un chinese wall per impedirne a priori l’erogazione di finanziamento. Ma forse ciò provocherebbe il crollo dell’interesse da parte degli azionisti privati a partecipare al controllo degli intermediari bancari?
  2. Riccardo Mariani Rispondi
    Trovo sensata la proposta dell’articolo di spostare l’attenzione dalla vigilanza alla corporate governance per poi concentrarsi non tanto sul contenuto delle regole ma su chi le fa. E’, infatti, di buon senso sospettare che il politico/regolatore sia più interessato a togliere le questioni dall’ordine del giorno (per esempio istituendo un nuovo controllore) che ad affrontarle. Preferirei, però, che quella che viene definita “autoregolamentazione”, e che come tale è destinata ad un ruolo sussidiario, si trasformi in un mercato delle regole. Ma è possibile un mercato delle regole? Un mercato delle regole di corporate governance si realizza solo se tra le Borse esistono forme di competizione. Per andare oltre la moral suasion ho paura che l’ostacolo maggiore non sia tanto “chi” possieda la Società di Borsa quanto il fatto che si tratti di organismi no-profit, in tal caso, l’ utile verrebbe distribuito in natura tramite regole di favore (e quindi inaffidabili) per gli associati. Ma sarebbe mai accettata la Borsa come organismo profit?. Non esiste nemmeno negli USA. Eppure, dopo la bolla, diverse società sono migrate dal NASDAQ alla NYSE (e vicecersa ultimamente) a testimoniare una competizione possibile. A livello storico si è dimostrato che la SEC ha ereditato intatta la regolamentazione NYSE, una regolamentazione spontanea che preesisteva ed era giudicata buona (Mahoney, The exchange as regulator, Virginia Law Review 83 1997). Ma sopratutto la rivoluzione del trading elettronico, potenzialmente, ha smantellato la natura di monopolio che era propria dei mercati borsistici. A quanto pare che l’ innovazione smantelli i monopoli naturali abbattendo i costi di transazione conta poco se, nel frattempo, la regolamentazione, istituita per difenderci da quei monopoli, ha fatto nascere e consolidare una serie di interessi che si difende con i denti da ogni riforma. Il copione si ripete: ci si difende dal costo sociale dei monopoli sostenendo costi burocratici (ovvero di regolamentazione); poi, quand’ anche sopraggiunga quell’ innovazione che azzerando i primi rende superflui i secondi, le cose proseguono come se nulla fosse. La conclusione è che per sfruttare le sue idee l’ innovatore necessita, oltre che del suo genio, anche di una brillante carriera politica (aggiungo malignamente che una carriera politica vincente lo distrarrebbe consentendogli l’ accesso a ben altre rendite). Cordiali saluti.