logo


  1. vadim filippi Rispondi
    Sono d'accordo con le tesi esposte nell'articolo. Credo che, in particolare, sia molto importante dare un segnale di credibilità da parte dell'Europa: rinunciare ora, alle prime difficoltà, alle regole che ci si è dati, potrebbe far venir meno quella reputazione che tanto è importante nella odierna economia dominata dalle aspettative...inoltre non dimentichiamo che i governi stessi potrebbero sfruttare il Patto come vincolo esterno, in grado di far digerire le tanto dolorose, ma necessarie riforme strutturali che probabilmente verrebbero ancora una volta procrastinate (e l'Italia ne sa qualcosa...sarebbe stato possibile il risanamento senza l'assillo del "l'Europa ce lo chiede?").