Lavoce.info

Il Punto

Le decisioni della Banca centrale europea serviranno a sostenere la debole ripresa dell’Eurozona, ma sono tutt’altro che risolutive. Manca ancora una vera politica di Quantitative easing: l’acquisto diretto di attività finanziarie sul mercato per immettere liquidità in settori dell’economia diversi dalle banche, come investitori istituzionali e imprese non finanziarie. E manca una forward guidance condizionata: un impegno a mantenere i tassi a zero fino a quando la disoccupazione non sia scesa a determinati livelli, seguendo quanto ha fatto con successo la Fed statunitense.
Con le nuove regole sulle quote di Banca d’Italia, gli azionisti privati incassano dividendi per 380 milioni di euro contro i 70 milioni degli anni precedenti. Un rendimento superiore al 5 per cento per un investimento a rischio zero, quando i Btp trentennali fruttano il 3,7 per cento. Più soldi alle banche, meno al Tesoro. Non si vede perché allora impegnarsi ad acquistare dalle banche le quote eccedenti il 3 per cento. Con questi rendimenti delle quote non mancheranno certo i compratori.
Qualche pregio ma molti difetti nel voto di lista per i Cda delle società quotate. Abbiamo un sistema unico al mondo che non rispetta pienamente la volontà dell’assemblea dei soci. Ecco una proposta per modificarlo. Che sarebbe dirompente nelle imprese senza azionista di controllo.
Come mostra il grafico, continua a crescere la disoccupazione in Italia. Soprattutto a spese dei giovani.

Spargete lavoce: 5 per mille a lavoce.info
Destinate e fate destinare il 5 per mille dell’Irpef a questo sito in quanto “associazione di promozione sociale”: Associazione La Voce, Via Bellezza 15 – 20136 Milano, codice fiscale 97320670157

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Bce: il bello deve ancora venire

Successivo

Perché la Rai deve cambiare

  1. Piero

    Considerato che la Bce ha preso delle misure deboli per il rilancio, Renzi deve immediatamente spingere con misure interne sul credito per rilanciare l’economia, i post di lavoro sono creati dalle imprese, che stanno soffrendo il credit crunch, occorre una scossa sul mercato, deve intervenire lo stato con il fondo di garanzia con una operazione di 150 miliardi, è sufficiente dare una garanzia del 50% con il fondo centrale! Le imprese potranno spendere tale garanzia nel sistema bancario! Il tutto deve essere fatto con decreto legge, senza la necessità di avere decreti ministeriali attuativi! La legge potrebbe essere questa: le imprese che hanno il bilancio degli ultimi due anni certificato e che abbiano conseguito un utile in entrambi i periodi, che si obbligano all’incremento occupazionale del 30% nel triennio, almeno un 10% annuo hanno diritto alla concessione di una garanzia pari almeno al 50% del fatturato che può essere utilizzata per la richiesta di credito presso le banche italiane. Una semplice legge come questa, che non richiede accantonamenti sul bilancio, dà uno slancio immediato e deve essere immediatamente operativa.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén