logo


  1. Piero Rispondi
    Complimenti a Pisauro per l'incarico, dovrebbe vigilare sull'ottemperanza al rispetto del fiscal compact, ma serve sono costi in più, chi obbliga tale organismo? In ogni caso riepilogo il fiscal compact, è stato firmato il 1/3/2012 da tutti gli stati Ue ad eccezione di Regno Unito e Repubblica Ceca, prevede: - norme costituzionali sul pareggio del bilancio, la norma costituzionale è stata approvata dopo due mesi, il 17/4/2012 legge n.1/2912 ( quando si vuole la legge costituzionale si approva con due mesi). -se debito/Pil è superiore al 60%, vi deve essere l'impegno a ridurlo in venti anni, noi dobbiamo ridurre 1000 miliardi in venti anni, ossia 50 miliardi all'anno. L'Italia ha ratificato il fiscal compact con la legge 114 del 23/7/2012. Assumere tali impegni solo con la politica interna di bilancio è impossibile, penso che chiunque sappia ciò, la realtà è semplice, abbiamo un debito pubblico che di può affrontare con una politica monetaria espansiva che preveda un po' di inflazione e con una svalutazione dell'euro sul dollaro, almeno la parità, per fare voi dobbiamo stare ancora nell'euro oppure uscire, deve deciderlo la Germania, sarebbe preferibile che uscisse la Germania dall'euro.
  2. Piero Rispondi
    Non è vero che prima era il marco la valuta di riferimento, si aveva l'ECU, tutti gli italiani si ricordano il regalo che ci fu fatto con i mutui in ECU.