Lavoce.info

Il malus nel bonus

Molti particolari importanti sul bonus deciso nel primo venerdì santo del governo Renzi sono ancora imprecisati. Ma sin d ora si sa che gli incapienti, dunque i lavoratori più poveri, non vedranno gonfiarsi le loro buste paga. Peccato perchè erano le persone con la propensione al consumo più alta, quelli da cui sarebbe perciò venuto il maggiore stimolo alla domanda.

Si sa anche che il bonus dato in busta paga sarà uniforme, pari a 80 euro al mese, fino a un reddito lordo tra i 24 e i 25.000 euro per poi diminuire rapidamente fino ad azzerarsi tra i 26 e i 28.000 euro. Questo disegno degli sgravi potrà permettere a Renzi di affermare di aver rispettato uno degli impegni presi il 12 marzo, ma da luogo ad una struttura della tassazione oltremodo irrazionale e può fortemente disincentivare dal lavorare meglio o di più quei due milioni di lavoratori dipendenti che guadagnano fra i 24.000 e i 28.000 euro.Il grafico qui sotto vi mostra l’aliquota Irpef media (tasse pagate in rapporto al reddito) senza (linea blu) e con (linea rossa) il bonus nell’ipotesi in cui lo sgravio sia concesso fino a 24000 euro con decalage fino a 26.000. Le simulazioni sono relative ad un lavoratore dipendente senza detrazioni per familiari a carico. Come si vede dal grafico, l’aliquota è zero fino a 11.700 euro (con un incremento dunque della no tax area) e poi cresce come senza il bonus fino a 24.000 euro, per poi diventare molto più ripida e replicare la curva delle aliquote medie senza bonus al di sopra dei 26.000 euro aliquota I grafici qui sotto vi mostrano invece le aliquote marginali effettive (quanto viene di fatto trattenuto per l’ultimo euro in più guadagnato). Mentre senza bonus crescono gradualmente, con il bonus, passano dal 30 per cento all’80 per cento per poi tornare attorno al 30 per cento e, infine, risalire al 40 per cento. Il Monviso delle aliquote coinvolge almeno un milione di lavoratori che dovranno dare al fisco 80 centesimi su ogni euro in più guadagnato. Poteva benissimo essere evitato se i provvedimenti fossero stati preparati con maggiore cura e se le promesse fossero state fatte avendo già almeno una traccia dei provvedimenti in mano. Si può ancora rimediare, ma costerà molto di più. E un terzo delle coperture trovate dal governo sono una tantum (come la tassa sulle banche che realizzano le plusvalenze sull’operazione Banca d’Italia e l’anticipo degli incassi IVA sul rimborso del debito della PA), mentre altre (come il solito taglio dei consumi intermedi) opinabili.   marginalemarg

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Perché tagliare ancora una sanità già sostenibile?

Successivo

Se la mafia non ha più bisogno del voto di scambio

  1. Ninni Mila

    Ai pensionati nulla. Perché il decreto scomoda il concetto di Giustizia sociale?

    • dbra

      Giustizia sarebbe togliere ai pensionati per restituire ai lavoratori, visto che dei primi nessuno incassa per quanto ha contribuito ma molto di più.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén