Lavoce.info

Il Punto

Quali sarebbero i vantaggi in termini di competitività di un ritorno alla lira svalutata? Limitati e di breve periodo. E si accompagnerebbero immancabilmente a una perdita del potere d’acquisto dei nostri salari. Dobbiamo decidere se giocare in serie A, accettando la sfida dell’aumento della produttività, oppure finire in serie B. Una nuova puntata di  “€uro pro e contro” e le risposte ai commenti dei lettori alla prima puntata.
Titoli giusti ma vaghezza di contenuti (come nel primo Dpef dell’era tremontiana) nel Documento di economia e finanza appena varato da Governo. Necessaria qualche precisazione per capire anche solo a grandi linee la direzione di politica economica. Per questo poniamo quattro domande al Governo. Se ha le idee chiare, può rispondere in un nanosecondo.
I giovani più penalizzati degli anziani dalla crisi iniziata nel 2008. La loro distanza dalle altre classi di età aumenta. Ma durante la crisi tutte le classi di età hanno sofferto.
Bene sostenere chi ha reddito basso o ha perso il lavoro. Però per coloro che un’occupazione non l’hanno mai avuta e rientrano nella povertà assoluta non c’è traccia di aiuto nei provvedimenti del Governo se non la sperimentazione della social card che coinvolge una platea molto ristretta.
Bacchettata da Christine Lagarde, numero uno del Fmi, l’Italia che fa troppo poco per l’occupazione femminile. Ha ragione: siamo dieci punti sotto la media europea. Si potrebbe incentivare la crescita abolendo le detrazioni Irpef per il coniuge a carico come da tempo proposto su questo sito e istituendo un assegno per la famiglia. Ecco in che modo.

Spargete lavoce: 5 per mille a lavoce.info
Destinate e fate destinare il 5 per mille dell’Irpef a questo sito in quanto “associazione di promozione sociale”: Associazione La Voce, Via Bellezza 15 – 20136 Milano, codice fiscale 97320670157.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Dieci anni bui per le famiglie italiane

Successivo

L’insostenibile pesantezza dell’euro?

  1. Piero

    Le misure fino ad prese vanno tutte bene, manca le misure sul costo della politica, riduzione dei compensi degli organi statali e regionali, a tutti i livelli, speriamo che arriverà presto, ma il principale problema che deve risolvere il governo è come pensa di pagare il debito pubblico attuale che è in valuta estera, in un quadro di recessione e deflazione attuale.

  2. Piero

    La semplicità in cui la redazione afferma, ti piace giocare in seria A o B, la risposta è ovvia, ma, dimentica la redazione che si può giocare in seria A anche con il cambio svalutato dopo essere usciti dall’euro, non deve essere per forza il ritorno alla lira, si potrebbe utilizzare il dollaro come valuta legale, pensate come ripartirebbero le nostre esportazioni con l’America, che è il mercato più grande del mondo. L’utilizzo del dollaro ci rende competitivi nel mondo intero, l’America non ha il dogma dei tedeschi della moneta forte, anzi il contrario, tutte le volte che il dollaro si rivaluta, inonda l’economia di liquidità.
    Tanto a capo di una valuta c’è sempre uno stato che la comanda, per l’euro abbiamo la dittatura dei tedeschi per il dollaro quella degli americani, basta scegliere, scelgo l’America.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén