logo


Rispondi a Antonio Annulla risposta

1500

  1. Andrea Grenti Rispondi
    Prof. Puglisi, cosa ne pensa della tesi secondo cui le monete virtuali come Bitcoin, quasi completamente anonime, possano avvantaggiare chi svolge attività criminali ed illegali a scopo di lucro?
  2. Mirco Romanato Rispondi
    Ogni nuova moneta virtuale può copiare il codice sorgente del Bitcoin (o usarne uno differente), ma non può copiare il numero di utenti, la potenza di hashing della rete, il numero di aziende che la usano, il numero di start-up che sviluppano soluzione avanzate che sfruttano la blockchain di Bitcoin, il brand, etc. Ci vuole mica tanto a fare una nuova bibita gasata. Quanti tipi di Cola ci sono al mondo? Quante Pepsi e quante Coca Cola? Per esempio, perché dovrei supportare AuroraCoin che è utilizzata solo da un ristretto numero di persone (al massimo qualche migliaio), quando posso usare Bitcoin che è usato da miioni di persone nel mondo e accettato da migliaia di negozi on e offline? Aurora coin, al massimo, può essere affidabile per transazioni di qualche euro di valore (perché ha un hashing power ridicolo), mentre Bitcoin può essere usata per transazioni di milioni di euro di valore (perché per fare un double spending devi fare un attacco al 51%, che costa, prezzi attuali, almeno qualche centinaio di milioni di dollari solo di hw e 5-10 milioni ogni 10 minuti). Le uniche criptomonete alternative al Bitcoin che sopravviveranno, alla lunga, sono solo quelle che saranno utili per utilizzi specifici: per esempio Zerocoin (che dovrebbe uscire questa estate) sarà perfettamente e completamente anonima (matematicamente provabile con la Zkp), laddove Bitcoin è pseudonoma. Sarà quindi desiderabile da chi vuole garantire la propria privacy al 100%.
  3. Antonio Rispondi
    Non sono un economista ma il fatto che dei privati cittadini battano moneta mi sembra un comportamento oltre il limite della legalità. Certo, sono molto trendy perché operano in rete e fanno una roba virtuale. Ma se un gruppetto di amici facesse una cosa concreta, stampando banconote cartacee firmate dal titolare di un semplice conto corrente (di capienza finita) cosa gli farebbero?
    • Mirco Romanato Rispondi
      La differenza tra una valuta privata e una valuta a corso forzoso è che la legge obbliga ad accettare la valuta a corso forzoso (tipo €, $, etc.). Nessuno obbliga nessuno a pagare o accettare una valuta privata. Inoltre, per essere una valuta privata, e non semplicemente uno strumento di credito (denominato in € o $ o altro) lo scambio deve essere finale e assolvere le parti da altre obbligazioni, Per esempio, posso pagare un computer con una moneta d'oro da 1 oncia. Lo scambio termina li. Le obbligazioni di entrambi sono assolte. Se lo pagassi con un assegno, lo scambio terminerebbe al momento dell'incasso dell'assegno in contanti. L'assegno può essere annullato prima che io lo incassi. Il bitcoin è l'equivalente di una moneta d'oro (o argento o rame, fate voi), una volta scambiata con qualche altra cosa, lo scambio termina li. Lo scambio è finale e non può essere annullato da una terza parte (banca nel caso dell'assegno). Se il valore fluttua (rispetto ad altre valute) è un problema di chi ha il bitcoin, la moneta d'oro, etc.
  4. Antonio Gasperi Rispondi
    interessante: più interessante ancora è che una cripto-valuta diventi unità di conto solo in riferimento al suo valore di cambio, dal momento che nessuna autorità monetaria ne stabilisce il valore nominale. Ma allora uno che non è monetarista dovrebbe chiedersi come mai il pubblico preferisce detenere la propria liquidità in questa forma piuttosto che in altre. La risposta c'entra forse con lo spettro dei debiti sovrani?
    • Mirco Romanato Rispondi
      C'entra con il fatto che i sovrani stampano moneta senza limiti e la regalano ai loro amichetti. Bitcoin invece ha dei limiti che non possono essere modificati e la distribuzione avviene in modo casuale legato solo alla potenza di calcolo fornita alla rete per assicurare la correttezza delle transazioni (cioè, per il lavoro svolto).
      • ag Rispondi
        Mi sembra che l'articolo del prof. Puglisi spieghi chiaramente che il meccanismo di controllo sia decentrato presso gli utilizzatori di questa cripto-valuta. Vedi il crac di Mt. Gox. gli amichetti dei sovrani sono prima di tutto quelli che godono direttamente o indirettamente di welfare.