logo


Rispondi a michele Annulla risposta

1500

  1. Vincenzo Tondolo Rispondi
    "Di solito si usano le statistiche come un ubriaco i lampioni: più per sostegno che per illuminazione". (Mark Twain)
  2. Enrico Rispondi
    Be', non proprio a costo zero, mi riferisco alla prima: "deburocratizzare". Che ne facciamo di tutti gli uffici (centrali, periferici) nati per gestire le pratiche?". Comunque ha centrato il punto: la riduzione della burocrazia è uno dei punti cardine.
  3. Maurizio Serafin Rispondi
    Credo l'articolo e il rapporto di ricerca che ne è alla base abbiano, fra gli altri, il merito di dare dimostrazione scientifica della vanità di tante riforme che si illudono, modificando i soli meccanismi di regolazione del mercato del lavoro senza politiche fiscali, economiche e di cura del cosiddetto "capitale umano" congruenti, di risolvere i problemi occupazionali di un Paese, limitandosi in realtà con effetti sostituzione solo ad allocare diversamente il lavoro e il reddito. Di questo insegnamento sarà bene farne tesoro nelle prossime settimane, in cui l'avvio della Garanzia Giovani rischia di limitarsi a "spiazzare" i disoccupati over con gli inoccupati under per effetto di mal calibrate politiche di incentivi all'occupazione e di premi all'inserimento lavorativo.
    • michele Rispondi
      Non sono d'accordo, penso che si possono fare serie riforme, a costo 0, per migliorare sensibilimente la questione lavoro. Deburocratizzare Contratto unico Salario minimo Tre cose a costo zero da intrudurre con allegerimento del fisco.
  4. domenico sannella Rispondi
    La realtà nelle aziende va ben oltre le analisi statistiche, che comunque servono a capire l'andamento generale. Il problema è uno solo. Il costo del lavoro è esagerato, e le aziende cercano vie alternative per risparmiare, perdendo capitale umano che necessariamente impatta sulla strategia di lungo periodo.
  5. rob Rispondi
    "Poiché il problema è creare lavoro, il tema è come farlo". Assunzione con una semplice domanda ad un unico organo di stato (non 78 procedure). Contributi pari al 35% dello stipendio (come si fa nei Paesi seri) . Con il 35% di uno stipendio di 1500 euro si versa 525 euro al mese una cifra enorme che se il dipendente si facesse una assicurazione privata capitalizzerebbe una enormità. Inoltre vorrei suggerirvi di uscire dai dati e dai numeri freddi provate a farvi un giro e vedete il dramma quotidiano che si compie ogni giorno per l'Italia. Se vi viene un padre di famiglia che ti dice fammi fare almeno 2 ore per fare la spesa stasera cosa gli rispondereste voi? Per assurdo la pace sociale la stanno mantenendo quei piccoli e medi imprenditori che rischiano (ancora) sulla propria pelle.