logo


Rispondi a roberta Annulla risposta

1500

  1. gioele Rispondi
    Se è vero che sono in scadenza ca. 500 dirigenti apicali, Renzi avrebbe una grande occasione per rivoluzionare il sistema con nomine appropriate alla effettiva professionalità, stipendi equiparati alla media europea,rapporto Dirigenti/dipendenti al livello franco/tedesco. Sul numero in edicola de L'Espresso c'è una interessante inchiesta sulle retribuzioni dei 200000 dirigenti statali che ci costano ca. 15 miliardi/anno anche se bisogna considerare che detta cifra è al lordo e che, quindi, il netto è circa la metà. Impressiona il fatto che il 65% di questi 15 mld, cioè 11 mld è assorbito dalla Sanita pubblica!!!
  2. Paolo Rispondi
    Si cerca sempre la via più facile e populista, un bel taglio lineare alle retribuzioni e così si pensa di aver risolto il problema. Occorre avere il coraggio di licenziare o demansionare i dirigenti inutili e non produttivi e premiare invece coloro che con senso del dovere spesso esercitano correttamente la funzione pubblica anche opponendosi ai politici di turno.
  3. marno Rispondi
    "Le opinioni espresse nell’articolo sono personali e non coinvolgono l’ente rappresentato." E purtroppo nemmeno quelle (della stragrande maggioranza) degli altri appartenenti alla medesima categoria! Le retribuzioni in questione sono surreali se si considerano gli effettivi natura, ruolo e produttività dei dirigenti pubblici. Essi sono privi di qualunque responsabilità effettiva (potendo sempre trincerarsi dietro la legalità amministrativa e non essendo possibile di fatto licenziarli) e come tali dovrebbero essere remunerati.dunque pochissimo.
  4. roberta Rispondi
    In particolare rispetto agli ultimi capoversi dell'articolo: forse la ragione è che in questi ultimi decenni il numero dei dirigenti è aumentato considerevolmente rispetto al passato e molto spesso questo aumento non ha portato ad un miglioramento della macchina amministrativa ma, anzi, ad una complicazione parcellizzando competenze e responsabilità, moltiplicando pareri, passaggi, procedure e costi.