logo


  1. Mrio rossi Rispondi
    E' questo il punto! La fascia produttiva si sta restringendo pesantemente e quindi il sistema economico sano e produttivo non sostiene più il sistema di potere atto a mantenere il controllo dello stato. A questo punto si innesca la spirale recessiva in cui la classe produttiva viene ridotta a massa improduttiva e più si assottiglia più quella che rimane viene tartassata e più viene tartassata e più si assottiglia e così via. Ad un certo momento il sistema scoppierà e non si sa nemmeno cosa possa succedere perchè non è possibile trasformare in produttivo ciò che è improduttivo a meno di un passaggio traumatico. Questo i politicanti lo sanno bene e tentano in tutti i modi di prendere tempo, ma questo tempo non fa altro che aumentare la perdita di produttività e peggiorare le condizioni del breaking-point. Penso addirittura che sia già troppo tardi perchè una retromarcia ora avrebbe forse effetti peggiori del trascinarsi su questa strada. Come già ho fatto presente, cercate di inabissarvi come fa la mafia o come suggerisce il senatore Razzi: "Fatte li cazzi tua fratello!!!", andate all'estero nascondete contanti in euro naturalmente o in oro o diamanti dentro un plinto di cemento armato e aspettate che passi la tempesta e dopo che saranno morte tante persone e la guerra sarà finita il mondo ricomincerà e voi sarete tra i ricchi e non tra i morti!
  2. Enrico Rispondi
    Ottimo articolo. Inizierei con la seguente domanda: come è definita la classe media?
    • Bumblebee Rispondi
      E' semplicissimo: la classe media è quella formata dalle persone che danno il maggior contributo di lavoro per l'aumento del Pil e che pagano le imposte sul reddito. Le persone con redditi più bassi, di tipo alimentare, non pagano le imposte sul reddito, come è giusto. Le persone della classe superiore trovano sempre il modo di non pagare (o di pagare in misura ridotta) le imposte sul reddito. La classe media - spina dorsale del paese - viene spremuta, sia per quanto riguarda la prestazione richiesta per arricchire il paese, sia per la prestazione fiscale: è quella che fornisce le risorse per l'elefantiaco e sprecone welfare state e per consentire la dolce vita della classe politica/burocratica.
      • Enrico Rispondi
        Sono d'accordo, ma la mia era una domanda vera per gli autori (che spero non si scandalizzino per l'ignoranza che traspare dalla domanda stessa): ci saranno pure dei criteri oggettivi che definiscono la classe media (reddito, patrimonio, numerosità del nucleo famigliare che si mantiene, etc).