logo


  1. Pingback: Spread e fondi europei | Davide De Luca

  2. Francesco Aiello Rispondi
    Sono d'accordo sul fatto che la qualità delle istituzioni regionali ha giocato un ruolo molto importante del determianre il basso impatto dei fondi strutturali sul processo di convergenza in Italia. A riguardo è utile ricordare come nel lavoro "Structural Funds and the Economic Divide in Italy" (Journal of Policy Modeling, 2012. Vol. 34(3), pp- 403-418) si mostri come l'effetto sia debole quando si considera il reddito pro-capite regionale, mentre è del tutto assente nel caso della produttività del lavoro. In qualche modo, si ha ulteriore evidenza sul fatto che i fondi strutturali agiscono sulla dimensione ridistributiva del reddito tra le regioni italiane (risutlato quasi scontato), mentre non esercitano alcun impatto sui vincoli di offerta. Le motivazioni sono molteplici, ma il ruolo della politica e della burocrazia regionale è tra le prime cause dell'inefficacia dei fondi strutturali. Ciò deve introdurre molta cautela per il futuro, poichè i differenzaili della qualità istituzionale sono ampi e persistenti in Italia..