logo


  1. AM Rispondi
    Quando si parla di poveri, in senso relativo, si dovrebbero distinguere i cittadini italiani dai residenti stranieri e ancor più dagli immigrati irregolari. Conosciamo ovviamente la situazione patrimoniale degli italiani poveri, ma non quella degli stranieri residenti, i quali spesso possiedono proprietà immobiliari o quote di proprietà immobiliari nonché investimenti finanziari e depositi nei paesi d'origine. E' ben vero che in base alla normativa fiscale vigente in Italia questi stranieri dovrebbero compilare il quadro RW nella dichiarazione dei redditi dove oltre agli immobili recentemente è stato introdotto l'obbligo di denunciare depositi bancari per qualunque importo (in precedenza solo per le somme eccedenti i 10.000 Euro). Ma a detta di funzionari del Fisco di mia conoscenza solo pochissimi stranieri lo hanno fatto. L'ultimo provvedimento che obbliga a dichiarare qualsiasi somma, anche di modesto importo, detenuta all'estero è da annoverare fra le papere del Governo Letta.