logo


  1. SimoneCaroli Rispondi
    Lavoro, e non casa, è la priorità per le giovani coppie. E la politica lo ignora...
  2. Francesco Rispondi
    Sono un membro di una di quelle cinquanta (o poco più) coppie che hanno aderito al fondo. Oltre a quanto scritto, vorrei sottolineare per esperienza che le modalità di accesso, ESCLUSIVAMENTE tramite istituto bancario aderente al fondo, rendono la cosa poco trasparente. Il fondo Consip, che gestisce le richieste dei mutuanti, comunica solo con chi inoltra la domanda (e quindi la banca), con il rischio (soprattutto in questo periodo di tassi bassi) di un profondo conflitto di interessi con la banca stessa. Inoltre, il fondo è poco pubblicizzato. Il sito diamoglifuturo.it lo abbiamo trovato per caso né in qualsiasi banca aderente è presente una informativa in merito.
    • vittorio Rispondi
      Secondo me non é solo questione di mutui ma di tipologia di abitazionI. Bisognerebbe incentivare le cooperative di giovani coppie che costruiscano in modo economico le proprie abitazioni. Il risparmio sarebbe enorme.