logo


  1. deluso PD Rispondi
    Giancarlo. Sono proprietario di casa. Pagare le tasse dispiace. Vorrei pagare anche sulla prima casa. Ma non voglio essere massacrato. Se qualcuno dei favorevoli al mantenimento della IMU mi spiega coma io possa pagare 1.000 (leggasi MILLE) euro di IMU sulla mia prima casa di 160 metri situata in un piccolo comune del centro Sardegna, senza piscina, ne' portinaio, ne giardino lussureggiante? Se oggi volessi vendere la casa incasserei a fatica 150.000 euro. Leggo che a Roma la media IMU e' la meta' di quanto pago io, ma a Roma un'abitazione di 80metri vale 700 mila euro. Ripeto, io vorrei pagare l'IMU ma non vorrei essere massacrato. Per riformare il catasto, dieci anni fa i politici dicevano che ci volevano troppi anni, ma se avessero iniziato il lavoro, oggi forse non mi esprimersi cosi'. E concludo. Tutte le (sofferte) proposte di mitigazione IMU del PD mi escludevano: a causa della rendita catastale stellare attribuitami risulto uno straricco, uguale a chi ha 70.000 o 100.000 euro di reddito mentre il mio reddito e' di 30.000 euro.
  2. Marcello Rispondi
    Vorrei segnalare, oltre alle incertezze di bilancio dei comuni, un'altra confusione che complicherà il rapporto proprietario-inquilino già abbastanza difficile. La situazione precedente, fra tanti difetti, era almeno chiara: l'IMU patrimoniale spettava al proprietario e la tassa rifiuti spettava a chi li produceva (inquilino). Adesso la patrimoniale viene sostituita da una tassa sui servizi che quindi dovrebbe essere pagata da chi ne gode (inquilino), tranne una quota, come per la portineria, a carico della proprietà (10%). Solo che la nuova tassa, nonostante ogni smentita, dovrà fornire il gettito dell'IMU e quindi per non dare una mazzata agli inquilini, si sta pensando di far pagare l'80% alla proprietà alla faccia di ogni logica.
  3. Fla Rispondi
    Articolo interessante. Vorrei sapere però, riallacciandomi al principio dell'articolo, di quanto l'Italia non sia competitiva in termini di prezzo sui mercati internazionali e di quanto, di conseguenza, dovrebbe essere ridotto il cuneo fiscale sul lavoro. Vorrei inoltre sapere quali voci del cosiddetto cuneo verrebbero tagliate, in quanto in questa voce sono inserite anche voci previdenziali degli stessi lavoratori. Un cordiale saluto.
  4. Jeriko Rispondi
    Il prezzo del galleggiamento (non solo dell'ultimo anno) è stato sintetizzato bene nella trasmissione Presa Diretta di ieri sera. PS = sono Torinese, ma credo che la stessa situazione si possa riscontrare in ogni polo produttivo del Paese.
  5. Jeriko Rispondi
    siamo in due
  6. Leonardo Rispondi
    Il prezzo del galleggiamento ce lo faranno capire i "mercati" fra non molto. Mi sembra di vedere un film già visto: quello che portò alla fine del governo Berlusconi. Non possiamo dire, se solo abbiamo un po' di memoria storica, di non sapere quanto ci verrà a costare un governo che non governa. Siamo come una nave con due timonieri che si contendono il timone col risultato che la nave non fa che sbandare senza una rotta. Il bello è che i nostri politici chiamano questo modo di governare "larghe intese".
  7. AM Rispondi
    AMLa tassazione degli immobili ha una componente perequativa finalizzata a colpire il patrimonio investito in proprietà immobiliari in Italia e una componente indirizzata a coprire i costi sostenuti dai comuni per i servizi offecherti. E' indubitabile che di una parte di questi servizi (raccolta rifiuti, pulizia e illuminazione delle strade) usufruiscono solo coloro che abitano le case e fra questi ci sono gli inquilini.
  8. Paolo M Rispondi
    Rivoglio Monti, i politici sono tornati e si vede. E' lampante l'abisso di modus operandi tra il governo precedente e questo, e non voglio infierire entrando nel merito delle scelte economiche, sarebbe sparare sulla croce rossa.
  9. Jeriko Rispondi
    Interessante commento, un'overview realistica che mette in risalto le contraddizioni della politica economica di questo governo, che sembra fatta di copia&incolla di misure prese nei 30 anni passati (e forse più) e manca un approccio tecnico serio ed orientato (qui il ruolo della Politica) . Condivido il sogno razionalista
    • Antonino Di Lorenzo Rispondi
      nel mio lavoro"razionalizzazione delle entrate e uscite dello stato"il pagamento delle tasse è un desiderio;nella storia dei popoli quasi sempre è stato un castigo.si è in un'altra dimensione