logo
VENERDì 31 OTTOBRE 2014


captcha *

1500

  1. Massimo Sernesi Rispondi

    "La nostra predizione, in linea con il modello econometrico descritto, prevede una finale Spagna-Inghilterra (resa possibile, per altro, dalla struttura del tabellone), e una possibile sorpresa Olanda ai danni del Brasile, indicato da molti come la principale candidata alla vittoria finale. " A conti fatti, un'ottima analisi, che centra anche la vittoria a sorpesa dell'Olanda sul Brasile. Chapeau...

  2. Marco Di Marco Rispondi

    Sono molto incuriosito e chiedo agli autori delle delucidazioni tecniche. Le previsioni del modello di che tipo sono? A me sembrano degli aggiustamenti/correzioni del ranking FIFA "prima dei mondiali" e/o del ranking ottenuto dalle quotazioni dei bookmakers, sempre "prima dei mondiali". Cioè, fondamentalmente delle probabilità a priori (correggetemi se sbaglio). Ora, se ci fosse la possibilità di inserire nel modello lo scarto fra previsioni e risultati effettivi nelle precedenti edizioni del mondiale si potrebbe inserire una specie di 'error correction' che a me sembra utile (il caso dell'Italia 1982 è significativo). Magari c'è già una correzione d'errore implicita e io non ho capito com'è fatto il modello. Altra cosa interessante, i confronti fra risultati 'storici', predizioni del vostro modello, probabilità a priori (odds) dei bookmakers e ranking FIFA. Perchè gli errori di previsione rispetto ai risultati reali? C'è qualche squadra che viene sistematicamente sopravvalutata o sottovalutata a priori? Qual è l'effetto della stampa sportiva?

  3. matteo Rispondi

    Perché non provate a utilizzare la variabile numero di giocatori di ogni nazionale che giocano in squadre europee, dandogli però dei pesi come: Se il campionato a cui i giocatori partecipano è di prima/seconda/ terza....fascia Se la squadra in cui giocano in europa è di prima/seconda/ terza....fascia L'importanza di quel giocatore nella squadra europea, guardando il numero di minuti che ha giocato nella stagione e magari la media voti dei giocatori ponderato per il campioanto in cui partecipa dell'ultima stagione Inoltre il peso che viene dato al goleador di razza nn può essere dato in base alla media gol, ma deve essere ponderata per il coefficiente del campionato in cui gioca. Invece una curiosità, con i dati del mondiale in germania i risultati sono diversi, cioè alla fine il modello riesce a discriminare sostanzialmente da un mondiale all'altro, o si verifica una differenza minima?

  4. Alessio Cannucci Rispondi

    Salve, affascinante studio, tuttavia nell'analisi fattoriale o nel probit (a proposito ha provato il logit, reminiscenze universitarie mi dicono che forse era migliore) ne inserirei uno che potrebbe sbilanciare i risultati. Mi riferisco ad un peso sui punti a partita. Mi spiego meglio con un esempio. L'Italia del 1994 fece solo 4 punti nel girone eliminatorio, ma vinse ottavi, quarti e semifinali, la stessa cosa nel 1982 dove fece 3 soli punti nel girone e vinse tutte le altre partite. In questo caso si dà una maggiore incidenza alle partite ad eliminazione diretta. Squadre come Spagna, Inghilterra ed Olanda non hanno una così grande tradizione in partite secche. Secondo me mettere un peso 0,8 ai punti nei gironi ed 1,2 ai punti nelle partite ad eliminazione diretta potrebbe dare un risultato diverso ... probabilmente a favore di Italia, Germania e Brasile (non a caso coloro che hanno fatto più finali e vinto più campionati). Alessio Cannucci

  5. Luciano Raso Rispondi

    Perché non basta guardare le stime dei bookmakers, che scontano tutte le informazioni e le aggregano in un dato solo (prob di vittoria=1/quotazione)?

  6. fantrucchi Rispondi

    Ma se facessimo gli stessi calcoli per il mondiale del 2006 facendo finta che sia mai stato giocato ancora....l'Italia sarebbe stata tra le favorite all'epoca?

  7. mirco Rispondi

    A parte eventuali corruzioni degli arbitri (era equadoriano il tipo dell'ultima volta?) e previsioni di solidità di squadre alla Leman Brothers...