logo


  1. Gianfranco Rispondi
    Io non credo che la tv di Berlusconi abbia proposto un modello culturale che è stato recepito in pochissimo tempo e ha prodotto una propensione al voto verso Forza Italia. La questione è molto più semplice e si chiama pubblicità. Perché i prodotti più reclamizzati sono i più comprati a prescindere dalla loro qualità? Perché più o meno illuminati imprenditori versano fiumi di denaro per promuovere in tv i propri prodotti e i propri marchi? Perchè funziona! La gente si lascia influenzare e preferisce il prodotto reclamizzato a quello anonimo. E' così in tutto il mondo. E se funziona per una saponetta, per una banca, per un tipo di caffé, perché non dovrebbe funzionare per un partito politico? Infatti ha funzionato e continua a funzionare. Gli spot di forza italia (nell'epoca in cui i tg di silvio erano poco guardati) di prima ed i tg mediaset di oggi, le interviste fiume di silivio, funzionano. Altrimenti non si spiega perché il PDL va generalmente male alle amministrative (dove silvio non si impegna e presta poco le tv ai candidati di centrodestra) e va generalmente molto bene (spesso meglio delle aspettative) alle elezioni politiche. Altrimenti non si spiegherebbe come il PSI, negli anni ottanta, grazie ad massiccio numero di spot sulle reti fininvest, quasi raddoppia i voti in poco tempo. Altrimenti non si spiega il successo clamoroso e unico dei radicali che alcuni anni fa, dopo una campagna elettorale basata su spot sulle tv fininvest, ottenne l'8% (di solito si attestava intorno al 2%). Ricordo la Bonino che piangeva commossa ringraziando gli Italiani che avevano capito le loro idee. Purtroppo non ha capito molto: era l'effetto degli spot. Qualcuno può obiettare che anche il TG3, la7 hanno lo stesso effetto. Sì ma in misura minore perché su quelle reti la propaganda non è libera e perché la potenza di fuoco non è lontanamente comparabile. Quello che ho scritto rappresentano la ragione per cui in molti Paesi chi è titolare di mezzi di comunicazione non può presenarsi alle elezioni,. Non è questione di destra o sinistra, di chi ha le tv e come le usa. Avere le tv è un'arma troppo potente rispetto ai concorrenti: è come fare la guerra tra chi ha la fionda e chi usa il bazooka. Chi vincerà?
    • franco bonelli Rispondi
      Finalmente uno che la pensa come me. Non è facile in quest'Italia. Concordo pienamente con quanto scrivi. Ciò che mi stupisce e che mi domando è come mai questi semplici concetti ed osservazioni non "entrino" nella testa non dico degli italiani in genere (sarebbe chiedere troppo), ma almeno in quella dei dirigenti politici che, per cultura e preparazione, dovrebbero essere più avveduti. Invece tutti ad accapigliarsi su argomenti di "distrazioni di massa" (Senato, legge elettorale, ora l'art. 18...): tutti a guardare il dito quando nessuno guarda la luna. Che sia dura ammettere quanto il nostro pensiero sia facilmente influenzabile dai fattori esterni? eppure del "condizionamento sociale del pensiero" si parla da 2500 anni...Tanto da fondare scuole di apprendimento delle relative tecniche proprio in relazione al marketing, che ora è anche apertamente politico.
  2. costantino Rispondi
    Prendo un passaggio dall'articolo: "Forza Italia ottiene una percentuale di voti significativamente più elevata nelle elezioni del 1994 (quelle della “discesa in campo”) rispetto a comuni con simili caratteristiche ma raggiunti dai canali Mediaset solo dopo; l’effetto è, in media, di circa 1 punto percentuale, ma quasi doppio al sud e in comuni piu piccoli." Quindi, da tutto questo articolo, ci volete dire che la televisione non ha influito dell'1-2% quindi in maniera MARGINALE alla campagna politica di Berlusconi, vero? E allora il resto quel 20-30% di italiani che lo votano perchè lo fanno? Cari sinistri, fatevi questa domanda e datevi una risposta che non sia "per colpa della TV", perchè uno studio scientifico ha dimostrato che non è vero. A questo punto allora finiamola con il conflitto di interessi, con lo strapotere delle TV di Berlusconi e la sinistra pensi finalmente a come poter trovare un progetto di sviluppo del paese senza mettere la testa sotto la sabbia e continuare a dare la colpa alle "TV di Berlusconi".
  3. K Rispondi
    Ma vi volete candidare ad un igNobel quest'anno? Se persone della vostra levatura accademica pensano ancora che si voti Berlusconi perchè si sia dei decerebrati o perchè influenzati dalle televisioni (forse tramite messaggi subliminali??) siete proprio fuori strada. Ma siete i lombrosiani del XXI secolo? Volete capire o no che il popolo italiano è stanco di un partito come il PD pieno di ipocriti che fanno del tutto per utilizzare la cosa pubblica come megaammortizzatore sociale, che si interessano più agli immigrati che ai propri vicini di casa, che guardano con occhio condiscendente ai delinquenti, che sono stati contigui alle BR (erano compagni che sbagliavano), che se ne fregano del funzionamento della giustizia utilizzandola solo per ribaltare Berlusconi, che parlano di scuola pubblica e mandano i figli nelle migliori scuole private, e potrei continuare così per ore. Certo Berlusconi ha fatto di tutto di più ma è uno come gli altri, ha fatto i soldi, è pacchiano, si circonda di persone non limpidissime, anche puttaniere se vogliamo, che parla ancora di comunisti ma non si riempie la bocca di ipocrisie e di carità pelosa che svanisce non appena si spengono le telecamere. Gli italiani non sono dei deficienti e preferiscono avere un Berlusconi al governo piuttosto che delle persone false ed ipocrite. Finchè non capirete questo sarete condannati a perdere.
  4. Lorenzo Rispondi
    Nulla da obiettare circa il rigore scientifico degli studi illustrati, ma l'obiezione sorge spontanea: ciò significa che chi guarda rai3 tendenzialmente voterà per il centro-sinistra? Se l'accusa di fondo è che Mediaset 'imbambola' lo spettatore portandolo ad un voto PDL, allora per giustizia la stessa accusa andrebbe rivolta a rai3, a La7 e a SanRemo.
    • Vitone Rispondi
      Lorenzo, ma hai letto l'articolo o solo il suo titolo. Che diavolo c'entrano Rai3 o La7? qui si parla di influenza culturale e di gerarchia nei valori in una societa' e non di "campagna elettorale" fatta attraverso i mezzi d'informazione di una rete televisiva. Anzi, questo articolo vuole sminuire l'importanza di tale componente, dimostrando come i valori sponsorizzati da una tv commerciale abbiano iniziato a produrre effetti ben prima che nascesse l'informazione sulla stessa. Per mettertela piu' semplice: La nascita di mediaset ha significato il passaggio dall'offerta culturale della ormai defunta mamma Rai alle showgirls, alla saga dei dilettanti all sbaraglio, a televendite e telenovelas, tutti cavalli di battaglia della TV berlusconiana. Questo ha avvicinato l'elettore medio (ovvero il corpo elettorale) al messagio di un candidato/partito guascone, che utilizza gli stessi strumenti del marketing e di comunicazione di un Mastrota, che parla alla pancia (se non piu' sotto) e non al cervello. Stesso motivo, secondo me, alla base del successo di Grillo. Anche l'ex comico si e' dimostato (ultra) capace di sfruttare la commercializzazione della politica e cultura italiana per guadagnare consenso: comizi come spettacoli di cabaret, urla e vaffanculo profusi a piene mani, assenza di profondita' nelle proposte in quanto tutta l'attenzione e' sul messaggio e infine l'uso scientifico dei media.
      • Frascorex Rispondi
        Hai perfettamente ragione in tutto, fuorché nel dire che io abbia frainteso l'articolo o che abbia letto solamente il titolo. La mia critica era rivolta alla non completa parzialità dell'assunto di partenza: non apprezzo gli studi che recano scritto a caratteri cubitali e sibillinamente poco visibili NOI SEMO DE SINISTRA, è un odioso difetto di fabbrica. Mediaset ha offerto un pacchetto di valori degradanti? Mi pare sia stato chiarito e concordo. Forza Italia è la rappresentazione politica del decadimento sociale? Direi che è una forzatura ben poco scientifica ma più che altro attinente ad un altro campo: il tifo calcistico.
        • Giadaditrinca Rispondi
          Non mi sembra che Forza Italia o i canali Mediaset abbiano tenuto in gran conto l'importanza culturale e sociale della corretta informazione. Forza Italia, in particolare, non ha fatto della cultura la sua punta di diamante, anzi, l'ha degradata e svilita in ogni luogo e in ogni forma, di conseguenza il partito ha riproposto nei fatti gli assunti che Mediaset ripropone a parole nelle sue trasmissioni. Per fatti intendo tutte le leggi bavaglio contro l'informazione, l'attacco continuo dei poteri istituzionali e tutte quelle leggi che la cittadinanza ha richiesto per anni e che loro hanno continuato a tenere nel cassetto, se questo non è decadimento sociale, non so cosa sia. Indipendentemente dalla destra e dalla sinistra, la corretta informazione, la critica sui fatti e l'impegno politico e sociale dovrebbero essere valori comuni, non valori detenuti da una sola parte, quindi se mai si è verificato che tali valori sono stati portati avanti, anche se in maniera discontinua e silenziosa,  da una sola parte, o da questa con più forza, questo è sicuramente un demerito dell'altra parte politica, che non può essere semplicemente liquidato come tutti quelli "contro" sono di sinistra.
          • Lorenzo
            Che la fazione politica di sinistra sia più interessata alla cultura è un fatto politico, non di sensibilità (vd Gramsci ed il suo discorso). Che il centrodestra sia meno attento alla cultura è una bufala di proporzioni macroeconomiche perché dipende assai dal posto in cui ci si trova a vivere. Io vivo in Lombardia e nei 18 anni di governo di centrodestra ho visto una evoluzione in campo culturale notevole, salvo poi cedere il passo alle difficoltà in cui tutta Italia ora versa. All'opposto, laddove ho visto governi di centrosinistra soprattutto a livello comunale ho assistito a fatti di una comicità che fa piangere. In provincia di Varese la giunta di centrodestra ha operato in maniera straordinaria in ambito culturale, con iniizative serie e costruttive. A Milano col caro Pisapia, all'opposto, si è aggravato il già grave decadimento. Forse non abbiamo ancora ben metabolizzato le differenze fra Prima e Seconda Repubblica, tanto che ci sono ancora politici che parlano di comunisti (e magari ce ne fossero ancora di veri comunisti) e di fascisti, partiti che si rifanno alla DC ed altri che sono la brutta copia del PC. La verità è che dal 1994 in poi le parti si sono invertite sul piano della realtà politica e culturale, ma le case editrici, buona parte dei quotidiani e le neonate reti Sky restano tutte di sinistra. La cultura va in pezzi e la colpa la si da alla Mediaset di Passaggio.
    • Bruno Cipolla Rispondi
      Occorre considerare lo share delle tre reti mediaset rispetto a RAI3 o LA7, le differenze sono enormi. Mediaset imbambola in proprozione al suo share, che, purtroppo, è alto.
  5. pierluigi Rispondi
    Sarebbe interessante comparare "la variazione nel numero di associazioni volontarie tra 1981 e il 2001" per esempio in Germania o Francia. Poichè la prima analisi non è possibile farla, sarebbe interessante verificare se alemno il secodno fenomeno è un risultato tutto italiano oppure Europeo.
  6. Mimmo Rispondi
    Boh per quanto interessante, questo studio non mi convince fino in fondo. Intendiamoci. Concordo col fatto che i valori riversati dai canali Mediaset nelle case degli italiani (sorrisi, luci, colori, paillettes, eleganza, vipmania, successo, personalismo) agevolino, e molto, il successo elettorale di questo signore. In ogni telespettatore scatta quel senso di identificazione col mondo (finto) rappresentato televisivamente, e ciò costituisca l'alimento vitale per soddisfare quella voglia di arrivismo presente in ognuno di noi, e la risposta ideale alle frustrazioni del quotidiano (il non essere ancora arrivati). E tuttavia credo che ci sia alla base del successo elettorale una fortissima dose di individualismo, mischiata a grande immaturità della gente, che non esita a seguire il primo pifferaio disposto ad assecondare qualunque loro individualistico desiderio, anche quando ciò cozza col senso comune o con l'interesse collettivo. Mimmo
  7. giulioPolemico Rispondi
    Perché ogni popolo ha i governanti che si merita.
  8. Guido Rispondi
    Sembrerebbe chiaro che prima l'effettiva novità della TV commercial/sportiva e poi il non risolto (anche per responsabilità della sinistra, la legge esisteva da unYUYCV pezzo) conflitto d'interessi con la destra al governo abbiano dato una bella mano al PDL nei riguardi di un elettorato in gran parte succube, per motivi in parte giustificabili, delle proprie storiche carenze socio-culturali (dall’imperiale "panem et circenses" al medioevo teocratico alla frammentazione rinascimentale e giù a seguire). Vogliamo paragonarci a popoli che si sono costituiti in nazioni, piuttosto coese, un po' prima di noi e con aperture mentali un po' più all'altezza dei tempi e delle urgenze del momento? A chi crede nella teoria dell'evoluzione, è passato del tempo da quando eravamo primati di quel tipo, ma ne passerà ancora prima di un auspicabile miglioramento antropologico. Ed è quindi logico che nello stagno/stagnazione attuale il coccodrillo di turno ci sguazza con relativa facilità. La soluzione potrebbe essere quella di tentare di uscire dallo stagno, di pulirci un po' e mettere “i piedi per terra", più concreti e meno ragazzini. Ipotesi di lavoro di medio-lungo termine, sul piano della politica il fenomeno "grillismo" come espressione diretta della società civile, la rete come sistema di interconnessione, in questo senso potrebbe costituire un primo passo, beninteso se la nomenklatura si mostra disposta a prenderne atto e ad abbassare un pochino la cresta.
  9. AM Rispondi
    Personalmente non seguo le reti Mediset, ad ecc. di Striscia e alcune volte di Le Iene. In genere seguo i telegiornali RAi e programmi di RAI 3 e La 7. Sono tuttavia convinto che i canali Mediaser non abbiano seriamente influito sul voto. Quanto alla Rai, debbo ricordare che incorre non infrequentemente in errori di geografia nei Telegiornali. Ad esempio qualificando Megève come cittadina turistica svizzera o Vorarlberg come città del Tirolo. In un programma riguardante lo stretto di Gibilterra si parlava ripetutamente di migrazioni di passeri (errore di traduzione dallo spagnolo). Vi è poi la carenza di conoscenze linguistiche in primis nella pronuncia dei cognomi di cittadini stranieri. In genere per tutte le lingue si usa la pronuncia inglese ignorando che in tedesco la v si pronuncia f e la W v. La pronuncia romena è poi spesso simile a quella italiana (Ci, ce, Chi, che). Poi vi deve essere un regola uniforme per i cognomi: usare la lingua del paese di cittadinanza o di quello di origine. Mi pare assurdo infine pronunciare i cognomi italiani di cittadini stranieri con pronuncia del paese di cittadinanza.
    • ross Rispondi
      Interessante questa disquisizione sulla toponomastica e sulla corretta pronuncia di vocaboli starnieri (riflessione che avevo già fatto per conto mio). Ma tutto ciò non inficia di una virgola il risultato della ricerca
  10. Francesco Luzio Rispondi
    Sono d'accordo sul contenuto dell'articolo e sono convinto che l'unico modo per liberarci di Berlusconi è fare una legge seria sul conflitto d'interessi, in linea cone le atre leggi vigenti in Europa. Ritengo che il Movimento 5 stelle la possa tarnquillamente appogiiare. Questo aprrirà ala strada ad accordi con M5S per altri provvedimenti attesi da molti elettori come la riduszione dei parlamentari, e degli sprechi della politica in generale a, soprattutto per una nuova legge elettorale che consenta di dare maggiore voce agli italiani. Se poi il PD sa guidare bene si potranno fare alcune importanti riforme sul lavore, sulla giustizia e poi si dovrà tornare a votare. Ma , ripeto, è necessaria una seria legge sul conflitto di interssi.
  11. Bruno Cipolla Rispondi
    Credo che questo possa aiutare l'analisi delle cause. (Ipse dixit in video di quindici secondi del 2004) "Uno studio corrente dice che la media del pubblico italiano rappresenta l'evoluzione mentale di un ragazzo di seconda media che non sta neanche seduto nei primi banchi" http://www.youtube.com/watch?v=rQAc427uKeI Il diritto di voto si acquisisce a 18 anni, non a 12.
  12. Bruno Cipolla Rispondi
    " Il fatto è che siamo semplicemente ignoranti, manchiamo degli anticorpi che solo una vera scuola avrebbe potuto fornirci." Concordo pienamente.
  13. AM Rispondi
    L'articolo è un esempio di come si possano manipolare le statistiche per dimostrare quello che si vuole. Abili manipolazioni potrebbero dimostrare facilmente la tesi opposta. Resta il fatto che il livello culturale dei canali Mediaset è mediamente inferiore a quello dei canali RAI. Tra i canali RAI la 3 è il canale con livello culturale più alto, ma è anche quello più impegnato politicamente e decisamente orientato a sinistra. Lascio agli autori l'interpretazione.
    • paolo pinotti Rispondi
      Gentile AM, dove "AM" sta per....? noi ci firmiamo con nome e cognome, troveremmo corretto da parte di chi commenta/critica fare lo stesso In che modo avremmo manipolato le statistiche per dimostrare quello che vogliamo? Se questa è la sua tesi (ed è un'accusa grave) gradiremmo che ora fosse lei a dimostrarla, magari fornendo a lavoce.info il suo contributo in merito all'argomento trattato nell'articolo, così che anche noi possiamo avere il piacere di leggerlo e commentarlo. Le posso assicurare fin da ora che la nostra critica sarà più fondata e costruttiva della sua.
  14. mastro Rispondi
    Nel titolo classico esempio di domanda retorica.
  15. luigi Rispondi
    Penso che abbia ragione il Sig. Sergio, il brutto della statistica è che non ti dice quale è la causa e quale l'effetto, ti dice solo se tra due variabili c'è una relazione....
  16. Nicola D'Amelio Rispondi
    Ottimo. Perché non proponete un paper al prossimo convegno della Società Italiana di Studi Elettorali?
  17. Sergio Rispondi
    Mi chiedo come mai i tre autori dello studio non si siano chiesti se è Mediaset che influenza determinati gruppi sociali e specifici territori, o se sono i gruppi sociali che esprimono atteggiamenti, credenze, valori che le tv berlusconiane riflettono, sapendo che si tratta del loro target. C'è poi da chiedersi quale credibilità attribuire all'assunto della ricerca, che una più prolungata esposizione alle reti Mediaset abbia spinto a votare per Berlusconi, perché se fosse così basterebbe spegnere Mediaset e, dopo un certo periodo, quei telespettatori voterebbero in modo difforme. Infine, come la mettiamo con le previsioni dei sondaggi che dicono che alle prossime elezioni Berlusconi perderà e che rischia di essere persino sorpassato da Grillo? Insomma, questa idea dell'audience come una platea passiva, di spettatori che possono solo reagire allo stimolo, questa reazione meccanica tra tv-messaggio-spettatori, sembra lontana dagli studi più recenti sui mass media. Non a caso i tre studiosi, sembrano più degli economisti che degli studiosi del settore. Purtroppo, temo che dovremmo sforzarci si comprendere un nesso più profondo: la rappresentazione sociale del berlusconismo raccoglie e rilancia modelli culturali presenti in larga parte del Paese. Per cui non ha tutti i torti, a mio avviso, quel lettore che domanda se non sia stato il centrosinistra che non abbia saputo offrire una identificazione collettiva più forte e convincente. Forse potrebbe succedere a queste elezioni...
  18. Fabio Sabatini Rispondi
    Molto interessante, grazie. E' in home page su Social Capital Gateway: www.socialcapitalgateway.org
  19. Carlo Turco Rispondi
    Bene, è senz'altro positivo che quella che era una sensazione diffusa si riveli pienamente fondata in base a un esame oggettivo dei dati. Rimane però la questione più spinosa da indagare: come mai una quota talmente cospicua della popolazione e dell'elettorato italiani siano cos' permeabili ai "valori" propalati da Mediaset e, conseguentemente, a dare il proprio consenso a chi li incarna così vistosamente, senza un minimo di vergogna. Mi dispiace, ma temo che per trovare le ragioni di questa realtà bisognerebbe svolgere ricerche appropriate sul nostro sistema scolastico ed educativo.
  20. cicciopasticcio Rispondi
    A me pare che chi vi siate arrampicando sugli specchi per non ammettere che non è Berlusconi che continua a vincere le elezioni, è la sinistra Italiana che non fa che perderle. L'elettore che oggi vota PDL pur di non far vincere il PD è lo stesso che prima votava DC per non far governare il Pci. La domanda giusta è: perchè almeno il 50% percento degli Italiani continua a non volere la sinistra al governo. Solo facendo autocritica il PD potrà convincere gli elettori a non votare a destra. Anche quest'anno il voler far vincere a tutti i costi alle primarie Bersani ha dato la possibilità a Berlusconi di fare gol a porta vuota. Bravi.... forse rinunciare alla Bindi, alla Finocchiaro e compagnia bella e magari puntare su Renzi avrebbe fatto cambiare idea a molti Italiani. Invece no diamo sempre la colpa a Silvio e continuiamo a perdere dato che ci piace tanto. E basta con sta stupidaggine di Mediaset, Grillo ha dimostrato che la Televisione conta e conterà sempre meno sullo spostamento dei flussi elettorali.
    • Giuseppe Rispondi
      Grillo fa un uso ben più oculato del mezzo televisivo di tutti gli altri (Berlusconi escluso). La sua esposizione è massima, data la sua assenza che fa scalpore, ed autoritaria, data l'impossibilità di interpellarlo direttamente. Ciò detto, l'esposizione mediatica non mi sembra essere il punto dell'articolo.
    • Ruben Durante Rispondi
      In risposta al commento di cicciopasticcio: capisco (e condivido) il tuo argomento riguardo alle innegabili responsabilità dei leader della sinistra nel corso di questi anni e alla lora incapacità di offrire una prospettiva diversa e credibile per il paese. Tuttavia, questo argomento dovrebbe applicarsi a tutto il paese e non e' quindi valido a spiegare le differenze tra comuni della stessa area che e' il tipo di variazione che utilizziamo per identificare l'effetto dell'esposizione a Mediaset. Più in generale, siamo coscienti che la TV non sia assolutamente l'unico fattore che spieghi il successo di Berlusconi e che vi siano molte altre concause; la nostra analisi si concentra su questo aspetto provando ad isolare il suo effetto dagli altri fattori.
  21. Franco Rispondi
    Osservo che siamo tra i primi al mondo per densità di telefonini; è un modo, infantile e patetico, per sentirsi moderni, noi che dimostriamo spesso una mentalità medievale. Il fatto è che siamo semplicemente ignoranti, manchiamo degli anticorpi che solo una vera scuola avrebbe potuto fornirci. Non abbiamo gli strumenti per analizzare la nostra realtà, non parliamo di quello che avviene al di là del mare. Berlusconi ha semplicemente utilizzato a fini propri tutto questo e continua perché, come mi disse una volta un grosso commerciante (scusate la volgarità) "quando a uno glielo hai messo una volta, glielo metti sempre" e siccome siamo anche convinti di essere molto furbi, non ammettiamo che uno così simpatico possa averci imbrogliato.
  22. Francesco Rispondi
    Ho sfogliato molto rapidamente il paper originale da cui nasce questo articolo e ancora non mi e' chiara una cosa.: la posizione dei 1700 trasmettitori di cui il gruppo fininvest disponeva nel 1985 era scelta dal gruppo stesso o "esogena"? Se il gruppo fininvest ha scelto la posizione dei trasmettitori, il risultato potrebbe essere non del tutto valido.
  23. Jako Rispondi
    Scusate ma per evidenziare l'effetto della televisione sul voto, non era più semplice fare una indagine statistica sul voto tra i telespettatori delle reti fininvest rispetto a quello di chi non guarda la tv o guarda prevalentemente altri canali?
    • francesco russo Rispondi
      no, perché correlazione non implica causalità.
  24. francesco russo Rispondi
    Ah, un'altra cosa. Lasciamo pure da parte un attimo la critica metodologica del mio commento precedente. La vostra interpretazione potrà adattarsi, almeno intuitivamente, a Forza Italia. Ma col PSI cosa c'entra? In che modo la "cultura del disimpegno politico" porterebbe a votare un partito socialista?
  25. francesco russo Rispondi
    Mah... il quasi-esperimento che avete fatto è carino ed è simile a quello che hanno fatto in india altri ricercatori. Ma dubito che in questo caso l'assegnazione al gruppo di quelli che hanno avuto accesso a mediaset prima di altri sia random. La copertura televisiva può essere correlata con molti fattori socioeconomici che a loro volta possono essere correlati con le preferenze politiche. Quindi non mi convince moltissimo l'interpretazione causale che ne date. Secondo me il vostro quasi-esperimento non permette di escludere che la causalità corra all'opposto: persone con preferenze politiche di un certo tipo preferiscono guardare mediaset.
  26. Francesco Saraceno Rispondi
    Assolutamente d'accordo con l'analisi. Il vero danno Berlusconi lo ha fatto in quanto fornitore di "cultura". La sua parabola politica è solo la logica conseguenza del suo dominio nell'arena mediatica, e dell'imposizione di un certo concetto di "successo"
  27. owluca Rispondi
    ...o forse perchè gli altri candidati non sono meglio ? (falsi titoli di studio, frequentazione dei giudici che li giudicano, coinvolgimento in truffe bancarie internazionali, ottenimento di mutui a tassi agevolatissimi per importi olto superiori al valore dell'immobile,.... )
    • Biuso Rispondi
      Strana logica questa: "poiché sono tutti corrotti, voto il più corrotto di tutti". Comunque, l'articolo affronta una questione precisa -la creazione di un'egemonia culturale tramite l'utilizzo spregiudicato del mezzo televisivo- e analizza dati che mi sembrano assolutamente ovvi ed evidenti.