logo


  1. Henri Schmit Rispondi
    Sono pienamente d'accordo con l'autore e con i commentatori, a parte l'accusa rivolta al popolo ignorante. Non che lo reputi più sapiente di quello che è, ma penso che la colpa non sia della gente anonima e indifesa bensì degli attori politici, non solo di quelli che ora ci stanno preparando il prossimo disastro nazionale (che sta facendo tremare gli studiosi più attenti nei bar paesi dell'euro-zona), ma anche dei loro predecessori che hanno abolito l'imu e distribuito l'elemosina alle loro clientele elettorali, provvisoriamente coperti dal non proprio austero QE. È anche colpa degli esperti che invece di fare discorsi responsabili pontificano di flat tax e altre chimere e vanità. Ascolto conferenze online di professori tedeschi estremamente critici di quello che da due anni si sta preparando, perché molto preoccupati. Hanno capito che l'Italia to big to fail può facilmente ricattare gli altri stati, ora con il nuovo corso in modo più spavaldo di prima. Non ci crede più nessuno che l'Italia possa essere riformata per meritarsi la sua permanenza nell'euro. E nessuno vorrebbe pagare il costo delle politiche fiscali demagogiche sempre più folli. Non esiste alcuna procedura di uscita temporanea che permetta ad un paese recalcitrante (che rifiuta o non è in grado di implementare politiche "convergenti") di uscire, svalutare, incassare tutte le minusvalenze e impoverimenti che questo comporta, adottare misure a favore della competitività e rientrare a valori più convenienti.
    • Henri Schmit Rispondi
      Preciso: Perché i professori criticoni tedeschi contestano il progetti di riforma dell'UE da due anni e non solo da quando si è insediato il nuovo governo italiano? Loro criticano il progetto di riforma del presidente francese che tutto sommato prefigura una maggiore integrazione e quindi prima o poi qualche trasferimento di responsabilità fiscale. L'Italia per assurdo contribuisce ad affondare il miglior difensore dei suoi interessi. L'attuale governo sta dando il colpo di grazia a questo sogno comunitario, non più realistico. La sovranità implica in primis la responsabilità per il proprio debito. Il modello saranno gli stati uniti e i cantoni e comuni svizzeri non coperti da alcuna garanzia federale. Pagano, perdono i creditori.
  2. Paolo Pettenati Rispondi
    Sono d'accordo che all'Italia basterebbe rispettare le regole del mercato per ridurre, se non proprio evitare, i rischi di una crisi finanziaria come quella del 2011 o come quelle in corso in Argentina, Venezuela e Turchia. In particolare, il rapporto deficit/PIL dovrebbe restare sotto il 2% per consentire una caduta a medio-lungo termine del rapporto debito/PIL. Questa politica assicurerebbe allo Stato consistenti risparmi nella spesa per interessi sui titoli del debito pubblico. Tale spesa è stata nel 2017 di 66 miliardi di euro, ossia poco meno del 3% dello stock di debito pubblico. Negli ultimi tre anni, se si escludono i recenti rincari, il costo medio annuale all'emissione dei titoli del Tesoro è sceso invece sotto l'1%. Se questo tasso venisse confermato anche in futuro, la spesa per interessi scenderebbe nello spazio di sei-sette anni a circa 25 miliardi di euro (appunto 1% di un debito stimato a 2.500 miliardi). Il risparmio annuale dello Stato sarebbe quindi di circa 40 miliardi, da destinare agli investimenti pubblici o ad altre spese (o sgravi fiscali) per il rilancio della produttività e quindi delle esportazioni. Al contrario, il mancato rispetto del vincolo del 2% porterebbe alla crescita della spesa per interessi (che era di 86 miliardi nel 2012). La crisi finanziaria diventerebbe quindi inevitabile. A differenza del 2011, l'Italia però non sarebbe più in compagnia dei PIGS, che nel frattempo, a parte la Grecia, si sono messi in sicurezza.
    • Gabriele Biondo Rispondi
      La sua analisi è corretta. Il problema è che quello che lei dice lo capiscono in pochi. La maggioranza degli italioti, e dico italioti in senso dispregiativo, sono persone completamente ignoranti in mataria economico/finanziarie. E su questa ignoranza il duo Salvini-Di Maio, ci ha speculato con proposte assurde contrarie alla sua, che sono da buon padre di famiglia: distribuiamo soldi un po' a tutti con Flax tax per chi ha redditi alti, reddito cittadinanza per chi non lavora, ci mettiamo anche migliaia di pensionati in più abolendo la Fornero, ed il gioco è fatto. E tutto questo a debito! Ora però il duo ha già fatto dietro front, dicendo che faremo tutto in 5 anni e rispetteremo le regole. Sono le uniche frasi intelligenti dette negli ultimi 5 mesi. Il problema dell'Italia sono i suoi cittadini, sciocchi, stolti e creduloni. Pensano davvero che a pagare il debito che abbiamo siano sempre gli altri. Ed hanno creduto ai pifferai magici. Forse cadranno nel burrone. Politici seri, di qualsiasi colore, dovrebbere leggere a tutti i cittadini quanto scritto nell'articolo dal Prof. Rony Hamaui, perché riguarda tutti noi, altro che fare promesse. La cosa grave è' che il politico serio che non promette la luna non prende i voti! I voti li prendono i pifferai magici. Qquesta non è più democrazia, la democrazia vera ha bisogno di politici seri, e cittadini non ignoranti.
  3. bruno puricelli Rispondi
    Egr. Prof., e..... se utilizzassimo un mezzo di pagamento creato ad hoc per la circolazione parziale in Italia riducendo l'ammontare dei finanziamenti da richiedere al mercato? Se, ad esempio, noi cittadini italiani ponessimo un certo quantitativo del nostro patrimonio privato in una botte, emettessimo della carta rappresentativa e di egual valore non saremmo risparmieremmo emissioni di BTP risparmiando inteessi e riducendo di qualche p.b. il rateo. Non sarebbe una seconda moneta e noi la utilizzaremmo perchè rappresentativa di parte del nostro patrimonio. Cosa ne pensa?
    • Giorgio Rispondi
      Non so cone ne pensi il prof. Hamaui, ma personalmente investirei in Bund...
  4. Cicci Capucci Rispondi
    Mi viene da pensare che le esternazioni di Cladio Borghi, che ha un passato di trader e vive dei proventi realizzati nella speculazione finanziaria, gli siano servite per speculare sullo spread e sul tonfo del MIB. Consob andrà a investigare i suoi movimenti pecuniari?