logo


  1. Giuseppe Rispondi
    Perché "pare" aver dato il consenso? Basta leggere il comunicato stampa ufficiale: http://europa.eu/rapid/press-release_MEX-18-5375_en.htm
  2. avvocato del diavolo Rispondi
    mi scusi ma si omette il dato essenziale. Le Banche hanno risottoscritto per intero la quota della GACS, quindi gli NPL sono diventati NPL rischio Stato Italiano. A livello di rischio, nella sostanza, non è cambiato nulla perchè un downgrade dello stato italiano renderebbe la GACS spazzatura e la ponderazione delle tranche delle Banche sarebbe peggiore che gli NPL originali. Queste non sono vere cessioni, ma trucchi contabili per spostare il problema nel tempo ed attendere, tipica mentalità italiana, i crediti davvero ceduti a terzi sono sempre sotto il 10% del totale. E vengono vendute al mercato come successi e Banche con meno rischi...
  3. Henri Schmit Rispondi
    L'articolo è interessante ma non deve creare l'illusione la cartolarizzazione dei NPL risolva i veri problemi del sistema bancario. Lo smobilizzo è un’operazione positiva perché utile ai bilanci delle banche ma non risolutiva della radice del problema. Fino a un anno fa i FSR di BdI riconducevano la situazione disastrosa delle proprie vigilate (in percentuale un multiplo della media €-zona, in valori assoluti la metà di tutto lo stock di NPL) alla crisi finanziaria globale, scoppiata oltreoceano con i subprime, si sottolineava. Spiegare il volume esorbitante di NPL con la crisi del debito è alquanto tautologico. Pensare di superarlo attraverso la cartolarizzazione è illusorio, se non ingannevole. L’OCSE e studi commissionati dall’UE (tutto in rete) hanno individuate ragioni diverse che la cartolarizzazione non risolve: le procedure di realizzazione delle garanzie (quindi il sistema giuridico in senso lato, norme e cultura, in particolare le procedure fallimentari) oltre alle pessime abitudini nella concessione del credito (negligenza, favoritismo, frode), non adeguatamente vigilate. Per superare la crisi degli NPL - fonte di tutti i vizi del sistema bancario (in particolare delle emissioni truffaldine) - bisogna rimuovere le cause endogene, i fattori evidenziati dalle organizzazioni internazionali. Servirebbe un bell'articolo su quello che finora è stato fatto e su quello che manca; le statistiche saranno meno abbondanti, gli effetti più lenti.
  4. gerardo coppola Rispondi
    Lei sottolinea gli indubbi progressi sul versante degli NPL. Tuttavia e' da riflettere anche sulle altre poste di bilancio. Il deleveraging messo in atto da alcune banche e' rilevantissimo. Ha comportato una riduzione massiccia di impieghi a vantaggio dei titoli di Stato. Se non riparte l'intermediazione creditizia molti si chiedono a che servono le banche.