logo


  1. domenico da binasco Rispondi
    ma è anche il governo degli incompetenti, che violano leggi e consuetudini, di chi si contraddice ogni cinque minuti, di chi ponza di economia ma non ha la piu' pallida idea di cosa essa sia, di chi assume amici e famigli senza esperienza a spese degli Italiani , di chi sfascia quano fatto in precedenza senza una chiara visione di cosa fare in sostituzione etc etc
  2. Savino Rispondi
    Il Governo effettua una politica economica proibizionista, protezionista e paternalista. Il ministro Toninelli è l'essenza del proibizionismo quando parla di Tav, del protezionismo quando parla di Alitalia e del paternalismo quando fa finta di voler risolvere la questione dei pendolari. Di Maio sull'Ilva e sul jobs act è profondamente proibizionista. Salvini (già proibizionista sui migranti) e Centinaio sono molto protezionisti, mentre il paternalismo lo fanno fare al ministro Fontana sulla famiglia. Conte è molto più legato alla cultura giuridica di provenienza, ma si cala bele nella parte affidatagli.