logo


  1. massimo gandini Rispondi
    io lavoro da 30 anni in un'azienda elettromeccanica, da noi vengono in stage i ragazzi del locale istituto tecnico industriale sezione elettrotecnica. Io credo che per i ragazzi sia un'esperienza molto utile in quanto hanno modo di fare conoscenza di situazioni che a loro sono del tutto nuove. In genere alla fine sono tutti molto soddisfatti . Per un istituto tecnico industriale direi che questa iniziativa è essenziale, nutro qualche perplessità per gli studenti del liceo
  2. pietro brogi Rispondi
    Esperienza da stagista presso Sit-Siemens Milano (1974) con la facoltà di Ingegneria a Pisa, poi anni 80' , da Dirigente Industria, prendevo in azienda, per un mese, alcuni studenti degli Istituti Tecnici di Genova. Avevo occasione di visitare spesso le Consociate in Germania, entrando in contatto con la loro realtà di istruzione tecnica dedicata. A metà anni 90, tornato a Firenze, ho iniziato ad insegnare in un Istituto Tecnico ed ho spesso seguito gli studenti in stage sia durante l'anno scolastico sia durante il periodo estivo. Il venire a contatto con una realtà in sintonia con gli studi svolti fornisce una esperienza assolutamente formativa, come del resto è importante svolgere una attività lavorativa retribuita che consente di svolgere un ruolo economico, quindi era positivo per me, in estate, al posto di un mese di stage non retribuito, andare a fare qualsiasi lavoro part time. Mi scandalizzo enormemente a vedere, dietro alla Attività di Scuola Lavoro, presentata come una 'recente scoperta', dimensioni vergognose: studenti liceali che distribuiscono hamburger senza retribuzione con l'etichetta di stage scolastico non si arricchiscono se non di rabbia per una situazione di sfruttamento. Prendiamo nota che mai gli studenti, prima degli ultimi anni, avevano preso una posizione ostile contro gli stage. Come mai tanti politici ed accademici scoprono ora l'acqua calda? Proporre poi sovvenzioni alle aziende invece che risorse all'istruzione un errore epocale.
  3. Stefano Rispondi
    Mi accontento che uno studente apprenda cosa significhi che un’azienda, purtroppo, inserita in un mercato competitivo, deve essere orientata al profitto per sopravvivere. “Purtroppo” perché in un mercato globale, sempre più competitivo, in cui miliardi di giovani dei Paesi emergenti sono disposti a qualsiasi cosa pur di emergere, sopravvivere o si rivedono le regole per tutti o non è possibile competere, spesso osservando regole diverse, per chi desidera fare impresa mantenendo un tenore di vita e una qualità del lavoro come si poteva fare un tempo, di riuscire in qualche modo che non è disposto a sacrifici che chiedono, purtroppo, il sangue. Il tempo dei diritti, purtroppo in Paesi come il nostro, è finito.
  4. Luigi Rispondi
    Certo che se poi l'alternanza nei licei si realizza in corso ad esempio di archeologia sui soliti banchi con relazione finale in powerpoint (specialmente ora che il powerpoint è pure superato da video, infografiche etc) è difficile dire che sia più utile del normale programma didattico a cui si sono tolte ore...
    • Stefano De Stefano Rispondi
      Appunto! Come vedi,caro Luigi, è questa legge che è fatta male. Non si può intendere l'alternanza nello stesso identico modo, prescindendo dai piani di studio e, soprattutto, non si può costruirla in maniera rigida, con un monte orario fisso, uguale per tutti e assolutamente inderogabile e che, tra l'altro, non tiene in alcun conto l'autonomia progettuale delle singole scuole , che è sancita per legge!
  5. Stefano De Stefano Rispondi
    Insegno in un liceo di Roma e sto verificando, da quando è in vigore l'alternanza, una progressiva frammentazione delle attività didattiche curricolari proprio a causa della rigidità delle disposizioni che regolano l'alternanza stessa.La verità è che, di fatto, per gli studenti è aumentato il carico di lavoro (l'alternanza, si dice, ha la stessa dignità delle altre materie curricolari, anzi....di più) senza che ci siano stati cambiamenti nell'organizzazione delle attività didattiche e nella stessa definizione dei programmi curricolari. Le difficoltà maggiori derivano dalla prescrittività delle 200 ore nel triennio e dal fatto che la scelta dello studente è libera e ciò può comportare che, in una stessa classe di 20 studenti, si attuino anche 5 o 6 opzioni diverse con modalità orarie che, per periodi medio lunghi, frammentano la presenza a scuola. Molti docenti stanno cercando di indirizzare le scelte degli studenti verso enti di carattere culturale o di ricerca storica con l'effetto positivo di incrementare lo studio di alcune materie ormai neglette (penso proprio allo studio della storia) ma con la conseguenza indiretta di vanificare le intenzioni della legge in relazione al rapporto tra i giovani e il mondo del lavoro. Concludendo, non mi sembra che una legge siffatta inneschi effetti positivi, né per la scuola né per il mondo del lavoro.
  6. Michele Rispondi
    Hanno ragione studenti e insegnanti a criticare ferocemente l’alternanza scuola-lavoro. È esperienza diffusissima la constatazione che si tratta - nel migliore dei casi - di una perdita di tempo. Specialmente per i licei. Tutto nasce dalla malaugurata idea che la scuola debba avere un funzione professionalizzante e non formativa. Salvo poi scoprire che le politiche attive del lavoro debbano intervenire su professionalità divenute presto obsolete. Non sarebbe meglio con la scuola dotare i giovani di quegli strumenti intellettuali che consentano nella vita lavorativa di evolvere e aggiornarsi da soli, piuttosto che provare (malamente) a insegnare oggi i mestieri di ieri che producono solo i disoccupati di domani?
  7. Savino Rispondi
    In Italia ci sarebbe più bisogno dell'alternanza lavoro-scuola. Mentre tutti sono pronti a dare consigli ai giovani su come scalare la montagna del duro "mondo del lavoro", facciamo una riflessione su cosa è diventato questo "mondo del lavoro" e su chi calca quelle scene. Vogliamo mandare i giovani sul binario di Pioltello, all'Ilva di Taranto, a timbrare il badge al Comune, nel caos ospedaliero, nell'insicurezza dei cantieri, a verificare le truffe finanziarie, a lucrare sugli aspetti più dolorosi della vita? Questo è oggi il famigerato "mondo del lavoro" e quasi sempre le persone davvero preparate ne stanno fuori, mentre fanno carriere fulminanti quelli poco meritevoli, ma molto servizievoli. Quindi, come diceva De Andrè, stiamo dando solo cattivi consigli perchè non possiamo più dare il buon esempio.