logo


  1. Marcello Romagnoli Rispondi
    Se avessimo una banca centrale vera e non la BCE non ci sarebbe rischio di fallimento per gli stati. Il Giappone ha il doppio del PIL come debito, ma non si parla di fallimento. Gli USA hanno un debito superiore al proprio PIL, il dollaro sta perdendo terreno come moneta di riferimento negli scambi internazionali. Il debito totale (pubblico+privato), ma non si parla di fallimento....perchè? Forse hanno una vera banca centrale???!
    • Maurizio Cocucci Rispondi
      La BCE è una vera banca centrale, non si comprende perché non lo debba essere. Il default di un governo è dato dalla sua impossibilità di procurarsi denaro sui mercati indipendentemente dal livello raggiunto del debito, sia in termini assoluti che, specialmente, in rapporto al PIL generato. Sia la Federal Reserve che la Bank of Japan non possono acquistare direttamente dai rispettivi governi le obbligazioni che questi emettono, ergo entrambi (come la BCE) possono farlo solamente verso i titoli già collocati, quindi sul cosiddetto mercato secondario. Se Stati Uniti e Giappone non sono al momento a rischio default non ha nulla a che vedere con le prerogative della propria banca centrale che sono poi quelle della BCE con l'aggiunta di una attenzione anche all'andamento dell'occupazione.
      • Marcello Romagnoli Rispondi
        Mi riferivo a questo L'art. 104 recita "È vietata la concessione di scoperti di conto o qualsiasi altra forma di facilitazione creditizia, da parte della BCE o da parte delle Banche centrali degli Stati membri, a istituzioni o organi della Comunità, alle amministrazioni statali, agli enti regionali, locali o altri enti pubblici, ad altri organismi di diritto pubblico o a imprese pubbliche degli Stati membri, così come l'acquisto diretto presso di essi di titoli di debito da parte della BCE o delle Banche centrali nazionali".