logo


  1. Lorenzo Rispondi
    Unica soluzione è un accordo preventivo alla maniera Svizzera; L'agenzia delle entrate deve conoscere bene, come un' Equity Research House (o aiutandosi con le ricerche e business plan proposti dalle società stesse) il business della multinazionale di turno e capire qual'è, secondo una banale teoria di gioco, il livello di break-even per la multinazionale per rimanere nel paese (inteso come vantaggio nel fruire del mercato di consumatori). Insomma l'Agenzia delle Entrate deve assolutamente avere una buona, anzi ottima stima di quale sia il giro di affari di cui google può godere rimanendo in Italia, e in funziona di quello, anno per anno, chiede a google di pagare un prezzo, il più alto possibile, che comporti cmq la convenienza per Google di rimanere nel paese del cui mercato sta usufruendo, e che al contempo la obblighi a apgar eil più possibile. Le logiche di tassazione in base a fatturazione, bilanci, bolle e altre scartoffie è inaffrontabile nei confronti di una multinazionale. Bisogna ragionare a ritroso: tu Google guadagni circa 500mln all'anno per stare in Italia? 250mln li dai al fisco. Non ti piace? ti faccio chiudere e ti oscuro i server. Idem Amazon, Facebook, Apple e compagnia cantante.
  2. Henri Schmit Rispondi
    Una goccia nel mare! I sistemi fiscali già in difficoltà con la vecchia economia non sono attrezzati per "com-prendere" le attività dell'economia digitale virtualmente senza territorialità. Non bastano le vecchie categorie. Piuttosto che sconfitta del diritto, si tratta forse di un tentativo di conquistare nuovo territorio ancora da "civilizzare". Ha ragione l'autore quando sostiene che la condizione per qualsiasi soluzione è la trasparenza dei flussi. Non ci sono mai stati margini di guadagno durevoli come quelli dei leader del settore digitale, mai dei patrimoni immensi creati in poco tempo come quelli dei loro fortunati proprietari. Basta guardare le capitalizzazioni in borsa, riflesso dei futuri utili.
  3. Giuseppe Gargiulo Rispondi
    Non sono d'accordo con l'asserzione che abbia perso il diritto . Né con l'asserzione secondo cui il concetto di stabile organizzazione occulta (ossia di stabile organizzazione non dichiarata, ma nascosta all'interno della struttura organizzativa di una società controllata residente, apparentemente incaricata solo di svolgere servizi ancillari di consulenza a favore della casa madre) è un espediente tipico della sola esperienza giuridica italiana. Analoghe contestazioni ci sono stati in diversi paesi esteri verso Google, Amazon, etc. In attesa che le organizzazioni sovranazionali possano trovare nuove leggi e nuovi accordi di ripartizione delle basi imponibili, è evidente che l'unica scelta è lavorare, anche forzando la mano con azioni unilaterali, sui concetti esistenti, la cui interpretazione va adeguata al nuovo contesto economico ed alle nuove istanze sociali, consapevoli che il diritto non esiste al di fuori dal suo processo interpretativo e che le finanze mondiali possano essere tenute in scacco da piccoli espedienti elusivi . Il motivo per cui accettano questi accordi è che quello che è un sano realismo e la consapevolezza che quanto stanno pagando, nei vari paesi, è comunque una una somma assai modesta rispetto agli utili enormi che stanno accumulando in esenzione di imposta in vari paesi offshore, con la compiacenza anche di una lacunosa legislazione antielusiva in materia da parte degli USA (paese di residenza della rispettive case madri)
    • Marco Rispondi
      Giuseppe, non è stato nascosto nell'articolo come sia evidente la sproporzione tra l'imponibile contestabile ed il vero guadagno che questo tipo di società miete (solo) nei Paesi al di fuori dal loro paradiso fiscale di residenza ufficiale. Però il diritto non dovrebbe trattare in maniera impari i soggetti per simpatia personale o velleità alla Robin Hood. Per assurdo, fino a che democraticamente (quindi, magari, mai) non si partorisce un'aliquota al 60% su chi guadagna molti milioni di euro, nessun giudice dovrebbe avere potere di costringere chi guadagna milioni di euro a "devolvere" allo Stato un intero 60% dei suoi guadagni. Nemmeno in un mondo in cui costui è circondato da incapienti veri, e in cui egli è brutto e antipatico. Per quanto io e te possiamo invece essere favorevoli. Allo stesso modo, il concetto di stabile organizzazione occulta è un concetto al limite del ridicolo. Proprio per il semplice fatto che Google non necessita di alcuna stabile organizzazione per operare, occulta o lapalissiana che sia. Sarebbe come, in attesa di una legge sull'omicidio, arrestare per guida in stato di ebrezza un assassino privo di auto. Fine giusto, metodo meno. Soprattutto per due motivi: 1) egli sconta meno del dovuto (come Google quando patteggia cifre sì grandi in assoluto, ma in percentuale irrisorie sugli utili globali) e 2) una giustizia (anche tributaria) che lavora in questo modo oggi colpisce un nemico comune, ma domani può colpire chi meno o per nulla merita condanna
      • Giuseppe Gargiulo Rispondi
        Nessuno invoca una aliquota sugli utili societari o d'impresa del 60% e tanto meno il potere di un giudice di stabilirla discrezionalmente. In Italia, in ogni caso, aliquota utili societari è del 24% (prima 27%), quindi ben lontano dal 60% da esproprio di cui tu accenni. A mio giudizio, la tua osservazione fraintende completamente il senso di quello che volevo dire. Probabilmente perché non sono stato chiaro io. Che il tema della cosiddetta stabile organizzazione occulta sia un concetto al limite del ridico, come affermi tu, parimenti mi sembra una affermazione non condivisibile, basta scorrere tutta la letteratura internazionale su tema. Digita "subsiadary as a permanente establishment" e vedi cosa ti viene fuori sui motori di ricerca. Che google e gli altri giganti del web per vendere i loro servizi nei vari mercati locali in cui sono presenneti in modo più diffuso (es. per vendere pubblcità, assistenza tecnica e post vendita, c. piattaforme web etc, mercati virtuali, etc.) non abbiano bisogno di una stabile organizzazione (personale o materiale) di impresa nie vari stati è parimenti non vero, solo che la occultano all'interno di società di servizi "captive" di gruppo a cui fingono di far fare solo servizi ancillari. In ogni caso il concetto di stabile organizzazione deve essere interpretato in modo evolutivo secondo i principi di buona fede e conformità allo scopo dei trattati al fine di adeguarlo al nuovo contesto economico e tecnologico.