logo


Rispondi a Carlo P Annulla risposta

1500

  1. Henri Schmit Rispondi
    Interessante contributo a un tema cruciale. Sarebbe utile precisare che cos'è la produttività del lavoro, cioè quali fattori vi incidono, e quali sono quindi le cause della bassa produttività del lavoro in Italia e quali le possibili soluzioni (diverse da un aumento della durata già più lunga di altrove o da una riduzione delle rimunerazioni nette già più basse di altrove) per migliorarla. Un elemento è l'inefficienza dell'organizzazione aziendale, l'insufficiente automazione dei processi, che necessita troppi lavoratori o impiega quelli sbagliati (settore bancario per esempio con troppi sportelli e pochi servizi onine, o piccole imprese rispetto a quelle più grandi). Quali altre inefficienze incidono sulla produttività del lavoro? Come incidono fattori 'esterni' all'azienda (cioè non controllabili, a parte ..... attraverso la delocalizzazione) come la fiscalità, la burocrazia, la giustizia?
  2. Carlo P Rispondi
    Io non sono un economista, ma vorrei dire il mio parere: e la realtà sulla produttività italiana è che quello che pesa è la pubblica amministrazione con moltissimi adempimenti in larga misura inutili, che aumentano continuamente, leggi e regolamenti fuori dalla realtà. Faccio solo un piccolo esempio: per la sicurezza sul lavoro (sacrosanta) un impiegato che non ha nessun vero pericolo deve fare un giorno di corso ogni anno....
  3. Massimo Matteoli Rispondi
    Da non economista pongo una domanda.. Se la produttività continua ad essere così bassa com'è posssibile che le imprese italiane da anni non facciano che segnalare incrementi e successi proprio nell'export ? Come si conciliano i dati sulla scarsa competività con i risultati nei mercati esteri, dove la concorrenza è sicuramente la maggiore possibile ? Mi pare chiaro che solo una competività molto forte lo possa rendere possibile. E' solo una mia impressione errata o c'è da chiarire qualcosa nella ordinaria narrazione che facciamo del sistema economico italiano ?
  4. Gabriele Serafini Rispondi
    Buongiorno. Ringrazio gli Autori di aver nuovamente attirato attenzione sulla questione della produttività. Sarebbe utile integrare il lavoro con dati che riportino anche l'andamento della produttività del capitale, nello stesso periodo. Stante infatti l'impiego di più fattori produttivi, solo l'analisi congiunta della produttività di almeno questi due fattori è possibile valutare se, ad esempio, il calo del va/addetti sia da imputare magari anche al capitale e non solo al lavoro. Grazie davvero per il lavoro!