logo


  1. Michele Rispondi
    La strategia negoziale del governo con la Commissione europea può essere diversa. La manovra aggiuntiva si basi sulla lotta all'evasione (tutti d'accordo). Si propongano vaste estensioni del reverse charge e dello split payment (il cittadino medio non capisce e sta tranquillo in vista delle elezioni). Poi la Commissione boccerà le misure e saremo punto a capo. Però nel frattempo si saranno guadagnati mesi preziosi, magari per le elezioni. Chi la rimanda, la scampa.
  2. Henri Schmit Rispondi
    I salti mortali della normativa rendono la fiscalità sempre più bizantina, insidiosa per gli operatori onesti, ricca di opportunità per i numerosi furbetti. Padoan ormai fa pena. Non ha saputo bloccare le misure più deleterie del precedente governo, adesso si lamenta dello sgarbo dei signori dello spread che non perdonano all'Italia, cioè A PADOAN, di mostrarsi inetto a ridurre deficit e debito. Una soluzione drastica per lottare contro l'evasione IVA: Copiare dalla A alla Z tutta la normativa con le modalità applicative di un paese virtuoso, capace, per esempio la Svezia, paese inventore dell'IVA. Ma un tale cambio costerebbe l'anno dello switch-over miliardi e miliardi, la misura precisa dell'inefficienza del sistema italiano.