logo


  1. Giuseppe Rispondi
    A me non tornano due cose: 1-ammetto la mia ignoranza sull'occupazione femminile africana, probabilmente semplicemente sbaglio ad interpretare il titolo dell'asse delle ascisse, ma davvero in Tanzania 8 lavoratori su 10 sono donne, quando (fonte: https://esa.un.org/unpd/wpp/Download/Standard/Population/) sono all'incirca il 50,3% del totale? Se il dato fosse corretto, da cosa dipende tale disparità? 2- se dovessi interpretare il grafico, quindi senza altri dati, io direi che più le donne lavorano meno pregano più degli uomini, perchè se in Congo sono prossime allo 0 allora vuol dire che cade l'assunzione di 'paesi nei quali domina la religione cristiana'. Al contempo se pregano, sia uomini che donne, con la stessa percentuale (che quindi rende 0 la differenza) allora è un dato che praticamente non vuol dire niente così da solo. Sarebbe stato più interessante, credo, riportare in ordinate la percentuale di donne che pregano sul totale delle donne. Cordiali saluti