logo


  1. Patrizio Di Nicola Rispondi
    Dipende molto da come verra' abolito (ammesso che lo sia) il contratto a progetto. Infatti, scomparse le cocopro, rimangono le vecchie cococo, previste dall'art 2222 del codice civile. Le aziende potrebbero, qualora non fosse esplicitamente vietato, ricorrere a quella ulteriore forma precaria. Ma abolire l'art. 2222 significa anche far scomparire alcune centinai di migliaia collaboratori delle PA.
  2. Dimitri Cerioli Rispondi
    Buongiorno, mi sembrate ottimisti. Secondo i miei calcoli con un miliardo di euro l'anno di dotazione si possono agevolare dai 125.000 rapporti ai circa 200.000 considerando i lavoratori a tempo parziale. Nessuno più ora assume e restano tutti in attesa di poter fruire di questa agevolazione, ma dopo pochi mesi sarà esaurita la possibilità di fruirne. Altra considerazione, come spesso accaduto in passato (vedi imposta sostitutiva sulla produttività ed esenzione erogazioni liberali esenti) si inserisce una disposizione transitoria e si tolgono altre agevolazioni (legge 407/90 e legge 56 per conferma apprendisti). Quest'ultima in particolare sarà molto penalizzante, le grandi aziende non confermeranno più apprendisti, visto che per legge ne devono confermare solo il 20% in un triennio (e con gli apprendisti confermati almeno il 11,61% di contribuzione l'INPS si pagava all'INPS). A presto